Il Verdicchio a Perugia

Felicissimo Francesco Annibali abbia accolto il mio invito e abbia deciso di passare da queste parti, a Perugia, per presentare il suo lavoro sul Verdicchio di Jesi e di Matelica. Un libro di cui avevo scritto qualche settimana fa su Intravino e che affronta un po’ tutto quello che c’è da sapere sull’argomento, dalla sua storia alle sue differenze territoriali più rilevanti.

La settimana prossima, mercoledì 30 marzo, all’Osteria a Priori. Qui l’evento su Facebook, ci sarà da bere (bene).

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico DOC – Santa Barbara, Le Vaglie 2006


Verdicchio | 10-15 €

La settimana scorsa sono rimasto senza fiato nell’assaggiare un bianco straordinario. Era un Villa Bucci, era la riserva, era un 1997. Ma soprattutto era un Verdicchio.
Nell’immaginazione collettiva è difficile pensarlo così, con dieci anni sulle spalle e con un’eleganza che ti porta via. Sottile, profumatissimo, puntuale.

Certo non era la stessa cosa, ma alcune di quelle sensazioni le ho ritrovate pochi giorni dopo, recuperando dalla cantina il Le Vaglie di Santa Barbara.
Fresco e con quella frutta che accenna ad una piacevole evoluzione. Il suo non essere scontato e la capacità di rimanere vibrante durante tutto l’assaggio. Soffice ed avvolgente. Da bere e da abbinare con soddisfazione.

[s4]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOC – Fattoria San Lorenzo, Vigna delle Oche 2005

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOC - Fattoria San Lorenzo, Vigna delle Oche 2005

Uvaggio: Verdicchio | Prezzo: 10-15 €

C’è poco da fare. I Verdicchi di San Lorenzo sono bevute amiche, non tradiscono mai. Profumatissimi e piacevolissimi sembrano la coniugazione ideale tra grande bevibilità e giusta complessità. E forse è troppo facile scriverne bene, direte.
Questo, il Riserva, è bello da vedere e profumato da sentire. Giallo paglierino brillante è gentile nei suoi aromi di frutta bianca e gialla, nei sentori erbacei ed appena minerali. Il temperamento, in bocca, è incisivo. Stupisce per le corrispondenze, per l’insieme prima, per i singoli frutti che ritornano didascalici, poi. Entra dritto, si allarga riempiendo di sensazioni positive il palato, e rimane teso fino a finire piano piano lasciando un ricordo felice. Stupisce sempre, praticamente.

[s4]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore DOC – La Distesa, Gli Eremi 2004

Gli EremiUvaggio: Verdicchio

Certo è che inizialmente la carica derivata dal passaggio in legno si faceva sentire in un modo piuttosto importante e tendeva a coprire tutta la grande carica aromatica sullo sfondo. Poi, dopo una mezz’ora scarsa, eccolo fare capolino in tutta la sua complessità. Sentori floreali, fruttati, speziati. Salvia, peperone, menta, vaniglia, gesso, con una importante sensazione minerale a dare spessore al tutto. La bocca è piena, con un’ottima spalla acida. Molto armonico, sul finale ritornano molti degli aromi dell’esame olfattivo. Assaggio notevole. Molto.

[s4]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico DOC – Fazi Battaglia, Titulus 2006

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico DOC – Fazi Battaglia, Titulus 2006

Uvaggio: Verdicchio

Eccoci quindi con un’altra puntata della nostra serie preferita: i vini del supermercato. Abbiamo precedentemente assaggiato vini siciliani come australiani, toscani ed altoatesini. La domanda è: si beve bene al supermercato? La risposta ufficiale è: ni. Si bevono prodotti molto standardizzati, non cattivi, non eccellenti. Roba da grandi numeri, insomma. Al verdicchio di Fazi Battaglia però voglio bene. Sono quindi sbilanciato. Sono affezionato a questa bottiglia perchè quando ero piccolo si beveva questo, a pranzo soprattutto. Magari è stato anche il mio primo assaggio! La forma della bottiglia, inconfondibile, è la stessa da una vita. E vogliamo parlare del piccolo papiro legato al collo? Chi di voi non lo ha mai letto? Fantastico.
Anticipato questo, parliamone. Com’è il Titulus? E’ sopra la media, per la GDO. E’ abbastanza elegante, se bevuto alla giusta temperatura. E’ giallo paglierino con riflessi verdolini. Ha un naso abbastanza complesso, floreale e fruttato. In bocca è fresco, ha un corpo discreto ed una persistenza non infinita ma neanche che si perde.. Si lascia bere con piacevolezza, scusate se è poco.

[s2]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore DOC – Umani Ronchi, Casal di Serra 2006

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore DOC – Umani Ronchi, Casal di Serra 2006Uvaggio: Verdicchio

Al di là delle degustazioni, in cui -quasi- sempre scopro cantine e vini di cui ignoravo l’esistenza, mi piace venire a conoscenza di realtà che conoco poco in situazioni differenti. Una bella occasione è stata la prima cena organizzata da Identità Golose al ristorante del Westin Palace. Moreno Cedroni, Chef della Madonnina del Pescatore a Senigallia e del Clandestino a Portonovo, presentava alcuni dei suoi piatti. Bello perchè si ha la possibilità di gustare ristoranti non facilmente raggiungibili. Meno bello perchè volete mettere stuzzicare i “rigatoni all’arrabbiata con alici, melanzane e salsa all’aglio” in riva al mare, magari al tramonto, nella splendida cornice del Clandestino?

Questo il menu della serata:
L’insalata di mare si dà le arie al limone; Il baccalà che salo io con cipolla stufata e zuppa di pane; Spada 35° alla pizzaiola con gelato al cappero; Rigatone all’arrabbiata con alici, melanzane e salsa all’aglio; Caesar salade di tonno; Magnus; Cremoso di cioccolato al latte e wasabi con gelato al baleys e sesamo tostato; Il tropico del cancro.

Per l’occasione in abbinamento alcuni vini della Umani Ronchi, storica azienda marchigiana. Il Casal di Serra è il vino, tra quelli presentati, che mi è piaciuto di più. Un verdicchio davvero buono, vero, se mi passate il termine. Aveva un naso piacevolissimo ed in bocca era caratterizzato da una freschezza e sapidità da manuale.

[s4]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOC – Umani Ronchi, Plenio 2004

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOC – Umani Ronchi, Plenio 2004Uvaggio: Verdicchio

Buono, molto. Mi è piaciuto meno del Casal di Serra, però, perchè è più pieno, meno fresco, nonostante un’aromaticità molto più importante ed una maggiore persistenza.

Questa la descrizione della vinificazione copiaincollata dal sito della Umani Ronchi: La massima cura è dedicata fin dalla fase della raccolta, del trasporto in cassette, della pigiatura dell’uva, per evitare macerazioni e fermentazioni indesiderate. Le uve pigiate vengono pressate con pneumo-presse, e il mosto raccolto in contenitori di refrigerazione per la decantazione statica. Il 70% viene fermentato in acciaio a temperatura controllata mentre il 30% del mosto fermenta in barriques e in botti grandi per essere poi interamente assemblato nel mese di marzo. Il vino riposa in serbatoi di cemento per 8 mesi con permanenza sulle fecce, ed è affinato in bottiglia per 6 mesi.

[s3]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore DOC – Sartarelli, Balciana 2004

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore DOC – Sartarelli, Balciana 2004Uvaggio: Verdicchio

Leggo su internet che questo verdicchio è frutto di una vendemmia tardiva. Interessante e da approfondire. Alla vista è giallo quasi oro, con un’ottima luminosità. Al naso è soprattutto fruttato e floreale: banana, mela, pera, albicocca, pompelmo ginestra. In bocca è secco, caldo, morbido, fresco ed abbastanza sapido. E’ equilibrato ed ha un’ottima persistenza. Mi è piaciuto molto.

[s4]

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOC – Villa Bucci 2003

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOC – Villa Bucci 2003Uvaggio: Verdicchio

Wow. Verdicchio di grande stoffa. Giallo paglierino brillante. Naso molto pulito e complesso. Inizialmente un po’ chiuso ma dopo pochi minuti nel bicchiere regala note molto eleganti di agrumi, di miele, di frutta gialla. In bocca conferma la propria eleganza, è caldo, morbido, fresco, sapido. Assolutamente equilibrato. Persistente ed armonico. Poi scopro che la malolattica è naturale, che non contiene enzimi, che la riserva non viene prodotta tutti gli anni ed alzo le mani.

[s4]