Fauno, il Chianti di Pancole

Continua la mia totale sintonia con il 2010. Un millesimo capace di essere nella stragrande maggioranza dei casi molto fresco, estremamente equilibrato, mai eccessivo. In una parola: elegante. Ci sono illustri eccezioni (il Carso, tra le altre) ma girovagando qua e là per l’Italia è difficile non imbattersi in vini di grande fragranza, vini irresistibili per quella bella tensione che riescono a trasmettere. In particolare in Toscana: ho ancora in bocca il memorabile Montevertine 2010 dell’altra sera, vino che non mi stancherò mai di bere e che invece, visto l’esiguo numero di bottiglie presenti in cantina, so già che finirà fin troppo presto. Non solo però, su e giù per il Chianti c’è davvero da divertirsi.

Prendiamo l’Azienda Agricola Pancole. Una realtà nata nel 2009 non lontano da San Giovanni Valdarno (Arezzo) che mi sono ritrovato ad assaggiare un po’ per caso e che non conoscevo. E della quale, guarda un po’, il 2010 mi è piaciuto tantissimo. Un Chianti (non Classico) di grande carattere, fresco e tipico esattamente come potete immaginare: sfaccettato per florealità, luminoso per acidità, sorprendente per profondità. Un vino bellissimo, uno di quelli dalla beva travolgente e dal prezzo particolarmente centrato, mi sembra di poco sopra i dieci euro in enoteca.

Prossima tappa, andare direttamente in cantina per farne incetta.