Naturale vs. Convenzionale

Poi cambio argomento, ma solo ieri sera mi sono accorto di come la guida ai vini 2011 del Gambero Rosso distingua tra i diversi approcci. Naturale e convenzionale. A differenza invece di Slow Wine che non emette sentenze così definitive ma lascia al lettore la possibilità di orientarsi attraverso indicazioni forse più tecniche.

Così Tenuta San Guido:

Così Giuseppe Rinaldi:

Ora io non so quale dei due sia approccio migliore. Nel primo caso si tende certamente (e comprensibilmente) a semplificare anche se, forse, è proprio questo che poi genera confusione alla fine della filiera. Che il termine naturale rimanda implicitamente ad quell’idea di purezza che, anche grazie ai commenti al post precedente, non è poi nella realtà così scontata. E definitiva.

Dieci vini per il duemiladieci, e dieci canzoni

Senza classifiche, ma un consuntivo dei tanti vini assaggiati quest’anno. E certo, non necessariamente i più buoni in senso assoluto, quelli però che sono legati ad un sottofondo emozionale che non dimenticherò facilmente. Vini di persone, di luoghi, di amici. In generale di ricordi e di significati. Con una canzone, iTunes -tra quelle uscite quest’anno- sostiene siano state le più ascoltate.

Il mio lambrusco, Camillo Donati. Questo, simbolicamente uno per tutti, a raccontare la realtà dei lambrusco a rifermentazione naturale in bottiglia. Profondità, profondità, profondità. Perchè esiste un mondo tutto da scoprire oltre quelli del supermercato.

Jamaica – Short and entertaining

Barbera d’Alba, Giuseppe Rinaldi. Evabbè, facile direte. In effetti è buonissima. E poi è vitigno che mi ha accompagnato per un lungo periodo, era la scorsa primavera, e che richiede parecchia attenzione. Ce ne sono molte là fuori di grande personalità e spessore. Andiamo a cercarle.

Arcade Fire – The suburbs

5, Podere le Boncie. Tutta l’espressività di Giovanna Morganti e di Castelnuovo Berardenga in una bottiglia dal rapporto spesa/felicità commovente. Un sangiovese da bere sempre, o anche di più.

Eels – A line in the dirt

Trebbiano d’Abruzzo, Valentini. E’ come quando la purezza del mare incontra la terra, non credo serva aggiungere altro.

Girls – Thee oh so protective one

Vigna Vecchia, Collecapretta. Dei vini umbri di Vittorio Mattioli e di sua moglie Anna ho scritto più di una volta. Rubo una loro definizione ad un caro amico, particolarmente centrata. Dice: “dalla loro cantina escono vini che prima di essere veri sono magici“. E tanto mi basta.

Agnes Obel – Brother Sparrow

Il Frappato, Arianna Occhipinti. Per me uno dei vini della gioia, impossibile non prenderne una bottiglia quando mi ci imbatto. Mi ha preso il cuore per portarlo altrove.

Blur – Fool’s Day

Nobile di Montepulciano, Poderi Sanguineto. E tutto il rock’n’roll di Dora e di Patrizia. Il loro imprescindibile miracolo. Ragazze, quando è nel bicchiere è come fossi lì con voi.

The National – Anyone’s Ghost

Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Cascina Gilli. Dolce, leggero, divertente, spumeggiante e profondo, scorrevole, economico. A margine quei sorrisi di fine pasto di complicità. Quasi quasi lo porto al pranzo di Natale.

Vampire Weekend – Horchata

Barbaresco Rio Sordo, Cascina delle Rose. Tutta l’accoglienza delle Langhe in una bottiglia di vino. Sintesi perfetta per un nebbiolo struggente.

LCD Soundsystem – Drunk Girls

Rosso, Massa Vecchia. Perchè entrambe le volte era bottiglia tanto definita quanto definitiva, quella che ti apre ad un mondo fatto di sensazioni diverse, con quella acidità a proiettarlo verso l’infinito. E se possibile anche oltre.

Ra Ra Riot – Boy

Questo è quanto. Il momento in cui finalmente impacchettare l’anno passato, archiviarlo e guardare avanti. Buon Natale.

Barbera d’Alba DOC Rinaldi 2007

Barbera | 10-15 €

Facciamo che evito di scrivere di quanto sia importante Giuseppe Rinaldi per il territorio e per il Barolo, di quanto sia uno dei riferimenti assoluti per un approccio che definire tradizionalista è assolutamente riduttivo e tutto il resto? Dai, facciamo così, e passiamo subito a scrivere della sua Barbera, e di quanto sia anche dalle piccole (anche se qui di piccolo c’è davvero poco) bottiglie che si può vedere la statura della cantina e di colui che le ha pensate e vinificate.
Perchè la Barbera di Rinaldi coniuga tutto quello che si può cercare, non solo in una Barbera, e penso a bevibilità, ma anche profumi, eleganza e polpa.
La frutta è rossa, matura, calda, avvolgente. E poi la profondità di spezie più scure che sposano una nota più verde, viva.
E in bocca, ah in bocca, coniuga il succo, il sapore delle tipicità con una complessità fatta di larghezze, che abbracciano il palato riempiendolo di felicità. Abbastanza potente quindi senza essere muscoloso, ma anche finissimo, fresco, quasi piccante. E con una nota sapida che attraversa tutto l’assaggio a renderlo vibrante. E buonissimo.

[s5]