Franciacorta DOCG – Gatta, Molenèr Brut 2000

GattaUvaggio: Chardonnay 70%; Pinot nero 30%

Franciacorta molto esatto, in questa declinazione millesimata di Gatta. Già dal naso si intuisce una certa giustezza stilistica, nel suo essere intenso, lineare nell’espressione di sensazioni fruttate, polpa bianca, fragranti e caratteristiche del metodo classico. In bocca è certamente piacevole. Inizialmente pieno e morbido, si affievolisce trovando l’equilibrio dopo qualche secondo. Bella anche la persistenza, con un ritorno bello e preciso delle note olfattive.
[s4]

Franciacorta DOCG – Gatta, Satén 2003

Gatta Satén 2003Uvaggio: Chardonnay

No, non sono diventato astemio. E’ solo che ci sono giorni in cui scrivere viene naturale ed altri in cui faresti qualunque altra cosa piuttosto che aprire lo sportello del laptop, controllare le email che sai essere lì ad aspettarti, leggere i feed, aprire blogger. Meglio l’aria aperta. Almeno certe volte. Il Satén di Gatta è vellutato, morbido, lungo. Femminile. E ricordo con piacere l’intensità dei profumi, da vero metodo classico, di crosta di pane e di lieviti. Ed il finale, leggermente minerale.

[s3]

Franciacorta DOCG – Gatta, Brut N.V.

Franciacorta DOCG – Gatta, Brut N.V.Uvaggio: Chardonnay, Pinot bianco, Pinot nero

Interessante e leggero questo brut di Gatta. Ottimo e brillante giallo paglierino con un bel perlage fino. Naso pulito, classici sentori di crosta di pane e di frutti canditi. In bocca è secco, fresco, sapido, equilibrato e persistente. Complessivamente armonico, caratterizzato da un retrogusto molto fresco.

[s3]