Colli Martani DOC – Antonelli, Grechetto 2007

Grechetto AntonelliUvaggio: Grechetto

Ormai il mio debole per il grechetto è cosa nota, durante l’anno ne ho scritto diverse volte. Grande curiosità quindi nel riassaggiarne l’interpretazione antonelliana, dopo la visita in cantina dell’anno scorso.
Paglierino e riflessi dorati per iniziare. Grande tipicità, sentori molto floreali, un fruttato leggero, da frutta bianca ed una sensazione vinosa a fare da sfondo. Semplice, ma intrigante, per continuare. Attacca sapido, ma bastano pochi istanti per chiudere il cerchio e trovare una bevuta di grande rotondità. Esprime il meglio del vitigno, rispettandone ed esaltandone le caratteristiche. E’ piuttosto secco, vero aperitivo. Finisce con una bella idea appena ammandorlata, certamente appena amarognola ed esprime grande armonia, complessivamente. Giù il cappello. Una delle migliori bevute per rapporto qualità/prezzo della regione: a sei euro, in cantina anche meno.

[s4]

Colli Martani DOC – Spoleto Ducale, Grechetto 2002

Spoleto Ducale Grechetto 2002Uvaggio: Grechetto

Che il Grechetto mi piaccia è oramai cosa nota. Negli ultimi mesi ho scritto di diverse bottiglie e di diversi stili, cercando di capire quale declinazione mi intrigasse di più. Così antico, però, mi era sfuggito, almeno fino ad ora. Il colore va verso il dorato scuro, caldo, mediterraneo. Ed i profumi, in evoluzione, sono di macedonia, di melone, comunque anche di frutta sotto spirito. La nota eterea è evidente, anche se ancora non disturba. E se è vero che in bocca perde un po’ la sua caratteristica freschezza, rimane una piacevole sensazione di rotondità. Interessante anche il finale, che sembra sfumare verso una nota più dolce, piuttosto persistente. Insomma, grechetto appena oltre il maturo, comunque adulto, capace di regalare emozioni anche in evoluzione.

[s3]

Colli Martani DOC – Todini, Bianco del Cavaliere 2007

Uvaggio: Grechetto di Todi

Non sono stato bene negli ultimi due giorni – maledetta aria condizionata. Perchè volevo scrivere prima di questo grechetto per chiudere questo mini-cerchi dedicato a questo bianco che tanto mi sta appassionando nell’ultimo periodo. Si tratta di un prodotto relativamente nuovo, presentato quest’anno a Vinitaly, il Bianco del Cavaliere, di Todini. Ha un bel colore carico, quasi caldo. Il naso è la cosa più interessante: complesso ed intenso. Sentori minerali, fruttati, leggermente balsamici. In bocca è rotondo, leggermente a scapito dell’acidità ma sostenuto da un’ottima sapidità. E’ pulito, meno grasso di quanto sarebbe potuto sembrare inizialmente e con un bel finale persistente e nervoso.

[s3]

Colli Martani DOC – Tudernum, Grechetto di Todi 2007

Tudernum Grechetto di Todi 2007Uvaggio: Grechetto di Todi

L’occasione è stato un mini-tour organizzato da questa associazione – Grandi Uve dell’Umbria – con la partnership di un giornale locale – Piacere. La location era la Tana dell’Orso, in centro a Perugia, dall’amico Esteban. Tudernum non fa parte di questa mini-associazione. Però ad un certo punto è saltata fuori una bottiglia. Perchè io parlavo del fatto che sto cercando il grechetto perfetto. Insomma, si fa per dire. E questo è davvero notevole. A partire dal colore, probabilmente dovuto ad una macerazione sulle bucce più lunga del normale, giallo paglierino scuro con chiari riflessi dorati. Naso intenso ed elegante. Agrumato, mielato, fruttato. In bocca nervoso e carico. Rotondo ma non troppo morbido. Persistente e con un bel finale sull’amarognolo. Ci avviciniamo al risultato di quella ricerca?

[s3]