L’Umbria ed il sangiovese, un rapporto complicato

Su Piacere Magazine (anche) questo mese ho scritto di vino. Impossibile non riportare per intero il pezzo (anche) qui.

Non è passato molto tempo da quando mi sono imbattuto in un articolo in cui l’Umbria veniva definita, insieme a Toscana e Romagna, come la “patria del sangiovese”. E sì, anche io ho storto la bocca esattamente come state facendo voi in questo momento. Beh, non che sia sbagliato del tutto, sia chiaro: nel pensare alla nostra regione e le sue varietà a bacca rossa è ovvio che il pensiero corra veloce al sangiovese, appunto, e al sagrantino. Si tratta però di un dato molto più legato alla sua diffusione in termini di ettari vitati che al prestigio che può offrire in termini di etichette.

Tra l’altro non più di un paio d’anni fa -proprio per esplorare questo argomento- avevo organizzato una degustazione (rigorosamente alla cieca, nessuno dei presenti sapeva quale vino corrispondeva a quale bicchiere) dedicata alla questione. Avevo cercato più bottiglie umbre possibili, tutte della vendemmia del 2006, tutte sangiovese in purezza. Al loro fianco in assaggio alcune blasonate bottiglie provenienti dai più importanti territori toscani: il Chianti Classico, Montalcino, Montepulciano. Il risultato, ampiamente prevedibile, vide un deciso affermarsi di quest’ultimi. Senza se e senza ma, i “nostri” vini uscirono da quella degustazione davvero a pezzi. E guardate, anche senza stare a scomodare un discorso puramente qualitativo quello che allora mi stupì maggiormente fu il numero delle bottiglie che riuscii a recuperare, non più di una mezza dozzina. Esatto, un numero ridottissimo. Sono infatti davvero poche le cantine che in Umbria si cimentano con la vinificazione ed il successivo imbottigliamento del sangiovese in purezza. Per capirci, il Rosso di Montefalco, vino il cui disciplinare prevede una sostanziosa quota di sangiovese, era automaticamente escluso da quella indagine proprio per la presenza di altre varietà (merlot e sagrantino le più diffuse).

Stavo però riflettendo che nel frattempo, dal 2006 ad oggi, sono nate tante nuove realtà e che sarebbe interessante ripensare quell’appuntamento inserendo tutti quei vini che allora non ero riuscito ad acquistare vuoi perchè non esistevano, vuoi perchè erano da tempo esauriti. Qualche nome? Il “Margò Rosso” del vulcanico Carlo Tabarrini, one man show dell’omonima cantina del perugino. Lo “Janus” del bravissimo Marco Merli di Casa del Diavolo. Il “Piantata” di Giovanni Cenci, i più attenti di voi ricorderanno l’articolo a lui dedicato sullo scorso numero di Piacere Magazine, “l’Era” di Lamborghini sul Lago Trasimeno,  il “Piviere” di Palazzone, a Orvieto, e “La Cupa” di Mani di Luna, vicino Torgiano. A questi si affiancherebbero quelli già inseriti nella prima degustazione: il famoso “Rubesco Vigna Monticchio” di Lungarotti (nonostante comprenda una piccola quota di canaiolo), il “Properzio” di Di Filippo, il “Calistri” di Castello di Corbara, il “Rosso Roccafiore” dell’omonima cantina di Todi, “Le Cese” (anche nella versione “Selezione”) di Collecapretta, nello spoletino.

Anzi, se avete suggerimenti non esitate a scrivermi. Mi piacerebbe riuscire a raccontarvi com’è andata.

Il Forestiero, il sagrantino di Collecapretta

L’occasione per tornare a parlare di Collecapretta nasce dalla lunga degustazione di ieri sera. Ventiquattro Sagrantino di Montefalco di due diverse annate, la 2007 e la 2008. Una panoramica di cui scriverò presto e da cui sono uscito con le solite insicurezze. Da una parte ho trovato una conferma, a Montefalco è molto difficile parlare oggi di differenze di territorio, è la cantina a fare la differenza con il proprio approccio. Uno stile che in un’annata fortunata come la 2008 è capace di produrre meraviglie. Dall’altra mi sono ancora una volta scontrato con un muro e con molti vini particolarmente difficili. Come se io non riesca del tutto a capire che lingua parlare con l’uva più famosa della regione in cui vivo. Ma devo, e voglio, somatizzare l’esperienza per qualche giorno prima di scriverne.

Alla fine, era assolutamente fuori contesto, è saltata fuori un po’ per caso questa bottiglia. Le uve (anche se non è possibile scriverlo in etichetta) sono le stesse della non così lontana Montefalco e la macerazione sulle bucce è brevissima, di appena una settimana. Il risultato è un vino particolarmente goloso ed appagante. C’è tannino, ci mancherebbe, ma è elemento perfettamente integrato nell’assaggio ed anzi, se servito alla cieca dubito lo riconoscerei come tale. Probabilmente non è il vino più fine che esce dalla cantina di Vittorio Mattioli, direi anzi che si tratta di un vino particolarmente ruvido nella sua migliore accezione agricola. Un vino praticamente inesistente nei numeri, dalla vendemmia del 2011 ne sono state prodotte appena 326 bottiglie, questa era la 138. Un vino di grande beva che ha accompagnato una lunghissima chiacchierata sui vini assaggiati precedentemente e che è stato perfetto accompagnamento per una meravigliosa coratella di agnello (come piace a me, appena sfumata con un po’ di vino bianco ed impreziosita da qualche aroma).

Insomma, un sagrantino/nonsagrantino che va assaggiato per approfondire la tipologia. Un vino che insieme a quello di Calcabrina (anche quello fuori denominazione anche se per scelte produttive, non geografiche) si inserisce in questo variegato panorama targato Montefalco.

Cercando il giusto ritmo


Ma senza successo. Davvero, parliamone: questi primi mesi del 2012 a livello musicale hanno offerto poco, pochissimo. Nessuna novità interessante, l’unica soluzione plausibile per ora è quella di continuare ad ascoltare tutto quello che mi ha fatto muovere la testa fino allo scorso Natale. Confidando nell’arrivo dell’estate.
Nel frattempo sono tornato a casa e mi sono letteralmente immerso nei gusti che avevo lasciato quando ero partito. Per dire:

– Il Rosso di Montepulciano 2009 di Poderi Sanguineto è un sangiovese di grandissima razza. Profondo, succoso, mai scontato e caratterizzato da una bevibilità imbarazzante. Per non dire poi della sua lunghezza, a meno di dieci euro rimane uno dei vini dal rapporto tra spesa e successiva felicità più centrati del millennio.

– Il sagrantino, ah il sagrantino. Durante una veloce visita da Adanti l’occasione è stata buona per una (veloce) verticale iniziata con alcuni campioni da botte e finita con alcune bottiglie storiche. Delle prime il ricordo è sbiadito da un tannino ancora indomito, delle seconde impossibile cancellare il grande carattere. Per esempio un’annata troppo sbrigativamente additata come minore, la 2002, oggi regala un sagrantino intimo e autunnale, sussurrato e coinvolgente. O la 1999, ancora grintosa ma al tempo stesso elegantissima. O, per tornare all’annata oggi in commercio, la 2005: tutto un rock’n’roll impreziosito da una vasta gamma di note, in primis agrumate. Un Sagrantino di Montefalco di grande ritmo, uno di quelli difficili da trovare (se voleste approfondire Antonio Boco ha scritto qualche riga in più: la trovate qui, su Tipicamente).

– Domenica, era Cantine Aperte, non ho fatto molto: sono rimasto tutto il pomeriggio sdraiato sul prato di Collecapretta. Tra un panino con la porchetta e un bicchiere di vino sono emersi un fantastico “Rosato di Casa Mattioli” targato 2011 e un pazzesco “Le Cese Riserva” 2007. Più delicato della vendemmia precedente il primo (finalmente equilibrato, composto, estivo), semplicemente indimenticabile il secondo. Oggi è ancora lì, non etichettato e in attesa (l’anno prossimo?) di uscire dalla cantina di Terzo La Pieve. Quando sarà, non perdetevelo: ha il sapore del capolavoro.

– Tornato a casa ho trovato in cassetta un paio di bottiglie di vino. Era il “Castrum Castrocari” 2009, il Sangiovese di Romagna che Marta Valpiani ha inviato quà e là per la rete in cerca di spunti, per iniziare un reciproco confronto su questa particolare tipologia. La prima infatti era da assaggiare in questi giorni, la seconda tra circa sei mesi per carpirne eventuali differenze. Si tratta di un sangiovese tutto giocato su note scure che spaziano dalla prugna alla ciliegia matura per poi virare verso sensazioni più vegetali, quasi da sottobosco dopo una giornata di pioggia. Questa sua anima austera si ritrova in bocca grazie ad alcune note amare che si amalgamano e che rimangono lì fino alla fine. Secco e piuttosto deciso, paga qualcosa in termini di acidità, elemento che di cui -dopo- si sente un po’ la mancanza. Ma c’è materia ed un chiaro timbro territoriale, e non è poco.

Giornate toste, le prossime. Domenica sera volerò a Cagliari per la prima edizione di “Vini naturali in Sardegna“, lunedì (aspettatevi aggiornamenti, la lista dei produttori presenti è fantastica). Nel frattempo dopodomani ritorna l’annuale appuntamento con Vini nel Mondo, a Spoleto. L’elenco delle degustazioni in programma regala più di qualche momento interessante, ci vediamo lì?

A cena con i terroiristi

Venerdì sera a Perugia inauguriamo quella che spero possa essere una lunga serie di cene/serate. Il nome è tutto un programma, “a cena con i terroiristi“, e per questo primo appuntamento abbiamo pensato di proporre un menu abbinato ai vini delle più piccole cantine della regione. Vini artigianali, vini prodotti in pochissimi esemplari e che dalla loro nascita in vigna fino al loro imbottigliamento sono stati sempre seguiti dalle stesse persone. Vini naturalmente naturali, non potrebbe essere altrimenti.

Assaggieremo vini di Collecapretta, di Cantina Margò, di Marco Merli e (credo) di Calcabrina.

L’appuntamento è per venerdì sera alle otto all’Officina Ristorante Culturale, Borgo XX giugno 56, Perugia (info e prenotazioni al numero 075 5721699).

Collecapretta

Come forse alcuni di voi ricordano di tanto in tanto ho riportato qui sul blog il testo della mia rubrica mensile su Piacere Magazine, Fast good. In particolare quando era particolarmente inerente a faccende, come dire, vinose. Sul prossimo numero, quello di settembre, ho scritto di Collecapretta, cantina apparsa qui più e più volte. Questa è una panoramica, un riassunto volutamente poco tecnico ma che (credo) rende un po’ l’idea del lavoro di anna e Vittorio Mattioli. Il passo successivo, se interessati, è quello di andare a trovarli in cantina. I bianchi citati si riferiscono tutti alla vendemmia 2010 (hey, assaggiateli, è stata una bella stagione) ed i rossi alla 2009. La foto qui sopra è di Luigi Cremona.

—-

Mi si faceva notare che negli ultimi mesi questa rubrica ha nominato più di una volta una piccola cantina sconosciuta ai più, Collecapretta. Vero. Veniva spesso affiancata a nomi ben più noti della viticultura regionale per l’assoluta qualità della sua produzione e l’autore era certo di fare cosa gradita nel consigliarla senza esitazione. Ma una cosa sono i vini nell’unicità dell’assaggio, certamente buonissimi, un’altra la narrazione di una realtà e del suo contesto, condizione necessaria (e spesso fondamentale) per cercare di capirli fino in fondo.

Collecapretta quindi. La località è quella di Terzo la Pieve Alto, non lontano da Spoleto, quando la strada comincia ad arrampicarsi verso la cima del Monte Martano. La casa quella di Anna e di Vittorio Mattioli, gli artefici di questi vini che un amico una volta definì “magici prima di essere veri”. Ma non è sempre stato tutto come oggi, molto cambia con la vendemmia del 2006, quando dalla cantina cominciano ad uscire le prime bottiglie. Prima il vino veniva infatti venduto rigorosamente sfuso, come qui si era sempre fatto e come anche oggi si continua (in parte) a fare. Una piccola grande novità che ha permesso a Collecapretta di varcare molti confini e di arrivare fin dove prima non era possibile. L’approccio, tanto in vigna quanto in cantina, è rigoroso. Il rispetto totale dei cicli naturali e la totale assenza di erbicidi, pesticidi e di diserbi anticipano una vinificazione senza alcun intervento. “Cantina aperta” recita la grande targa all’ingresso. Niente di più vero, l’accoglienza qui è una cosa seria, Anna e Vittorio non vi negheranno mai un sorriso e qualche minuto del loro tempo. Andare a trovarli vale lo spostamento, eccome. Per scoprire che il vino è parte di un ecosistema più vasto, non a caso le etichette parlano chiaro: “Vittorio Mattioli, agricoltore e poi vignaiolo in Terzo la Pieve”.

Infine, i vini. L’autore ha un debole per il “Vigna Vecchia“, un trebbiano spoletino di rara luminosità. Al suo fianco il “Terra dei preti“, un vino bianco macerato sulle bucce dal sapore arcaico, intenso e a tratti struggente. La malvasia, o “Buscaia“, è didascalica nell’esprimere il varietale e nell’affiancarlo a note minerali e salmastre. E il greco, o “Pigro delle sorbe“, caldo ed avvolgente.

Il “Rosato di casa Mattioli“, da uve ciliegiolo, nonostante il grado alcolico esprime forza e tattilità, ma con delicatezza. Tra i rossi il “Galantuomo“, una barbera profonda e dinamica, capace di sfidare le migliori espressioni piemontesi grazie anche ad una bevibilità mai stanca. E poi il sangiovese, “Le Cese” nella sua impronta tradizionale è capace di raccontare tutta l’eleganza contadina dei suoi artefici. “Il Burbero” è più profondo, a tratti surmaturo, il “Merlo nero“, da uve merlot, è intimo e generoso. Il ciliegiolo, o “Lautizio“, è fresco e piacevolissimo, in particolare a tavola, d’estate.

Collecapretta quindi. Anche perchè dietro ogni bicchiere spesso si nasconde un mondo intero, specialmente in questo caso.

Azienda Agricola Collecapretta
Loc. Terzo la Pieve Alto, 70 – Spoleto (Pg)
www.collecapretta.it

Degustazioni dal basso, il trebbiano spoletino

Tra un paio d’ore, a Genova, andrà in onda una delle cosiddette “degustazioni dal basso“. Dopo Gaspare Buscemi, il Rossese di Dolceacqua e il Fiano di Avellino è il turno del trebbiano, quello spoletino. Vista l’impossibilità per i produttori di essere presenti ho realizzato una breve clip, da far vedere in chiusura, subito dopo aver assaggiato i loro vini.

Le voci ed i volti sono, in ordine di apparizione, di Filippo Antonelli, Antonelli San Marco. Di Vittorio Mattioli, Collecapretta. Di Stefano Novelli, Novelli. Di Giampaolo Tabarrini, Tabarrini. Di Damiano Tocchi, Poggio Turri.

Per fare in modo anche loro fossero un po’ lì, con noi.

Degustazioni dal basso, il trebbiano spoletino

Il prossimo 13 giugno, ne avevo già scritto quà e , a Terroir Vino (Genova) ci sarà una degustazione di trebbiano spoletino condotta dal sottoscritto. E’ uno di quegli appuntamenti che si inseriscono tra le “degustazioni dal basso“, momenti dedicati al racconto di vini e territori da parte di persone comuni ma soprattutto “vicine”, per nascita o scelte di vita, al luogo che scelgono di raccontare.

Questa la lista dei vini in degustazione (la prenotazione è obbligatoria, da qui):

Antonelli, Trebbiano Spoletino IGT “Trebium” 2009
Collecapretta, Trebbiano Spoletino IGT “Vigna Vecchia” 2009
Collecapretta, Trebbiano Spoletino IGT “Vigna Vecchia” 2010
Novelli, Trebbiano spoletino IGT “Traibo” 2008
Poggio Turri, Trebbiano spoletino IGT “Il Valligiano” 2009
Tabarrini, Trebbiano Spoletino IGT “Adarmando” 2007
Tabarrini, Trebbiano Spoletino IGT “Adarmando” 2009

E poi c’è anche il trailer. Non so se mi spiego.

Dieci vini per il duemiladieci, e dieci canzoni

Senza classifiche, ma un consuntivo dei tanti vini assaggiati quest’anno. E certo, non necessariamente i più buoni in senso assoluto, quelli però che sono legati ad un sottofondo emozionale che non dimenticherò facilmente. Vini di persone, di luoghi, di amici. In generale di ricordi e di significati. Con una canzone, iTunes -tra quelle uscite quest’anno- sostiene siano state le più ascoltate.

Il mio lambrusco, Camillo Donati. Questo, simbolicamente uno per tutti, a raccontare la realtà dei lambrusco a rifermentazione naturale in bottiglia. Profondità, profondità, profondità. Perchè esiste un mondo tutto da scoprire oltre quelli del supermercato.

Jamaica – Short and entertaining

Barbera d’Alba, Giuseppe Rinaldi. Evabbè, facile direte. In effetti è buonissima. E poi è vitigno che mi ha accompagnato per un lungo periodo, era la scorsa primavera, e che richiede parecchia attenzione. Ce ne sono molte là fuori di grande personalità e spessore. Andiamo a cercarle.

Arcade Fire – The suburbs

5, Podere le Boncie. Tutta l’espressività di Giovanna Morganti e di Castelnuovo Berardenga in una bottiglia dal rapporto spesa/felicità commovente. Un sangiovese da bere sempre, o anche di più.

Eels – A line in the dirt

Trebbiano d’Abruzzo, Valentini. E’ come quando la purezza del mare incontra la terra, non credo serva aggiungere altro.

Girls – Thee oh so protective one

Vigna Vecchia, Collecapretta. Dei vini umbri di Vittorio Mattioli e di sua moglie Anna ho scritto più di una volta. Rubo una loro definizione ad un caro amico, particolarmente centrata. Dice: “dalla loro cantina escono vini che prima di essere veri sono magici“. E tanto mi basta.

Agnes Obel – Brother Sparrow

Il Frappato, Arianna Occhipinti. Per me uno dei vini della gioia, impossibile non prenderne una bottiglia quando mi ci imbatto. Mi ha preso il cuore per portarlo altrove.

Blur – Fool’s Day

Nobile di Montepulciano, Poderi Sanguineto. E tutto il rock’n’roll di Dora e di Patrizia. Il loro imprescindibile miracolo. Ragazze, quando è nel bicchiere è come fossi lì con voi.

The National – Anyone’s Ghost

Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Cascina Gilli. Dolce, leggero, divertente, spumeggiante e profondo, scorrevole, economico. A margine quei sorrisi di fine pasto di complicità. Quasi quasi lo porto al pranzo di Natale.

Vampire Weekend – Horchata

Barbaresco Rio Sordo, Cascina delle Rose. Tutta l’accoglienza delle Langhe in una bottiglia di vino. Sintesi perfetta per un nebbiolo struggente.

LCD Soundsystem – Drunk Girls

Rosso, Massa Vecchia. Perchè entrambe le volte era bottiglia tanto definita quanto definitiva, quella che ti apre ad un mondo fatto di sensazioni diverse, con quella acidità a proiettarlo verso l’infinito. E se possibile anche oltre.

Ra Ra Riot – Boy

Questo è quanto. Il momento in cui finalmente impacchettare l’anno passato, archiviarlo e guardare avanti. Buon Natale.