Pessac-Léognan AOC – Château La Mission Haut-Brion 1986

Pessac-Léognan AOC – Chateau La Mission Haut-Brion 1986Uvaggio: Cabernet sauvignon, Merlot, Cabernet franc

Vino generoso, elegante sia nei profumi che nell’impatto gustativo. Rosso granato ancora vivo e molto bello. Naso intenso e complesso, molto fine. Fruttato, speziato, etereo. Frutta rossa, cassis, tabacco, mentolo, caffè. In bocca austero ed con un ottimo, ancora, tannino. Persistente e complessivamente armonico.

[s4]

Pomerol AOC – Château Le Bon Pasteur 2000

Pomerol AOC – Chateau Le Bon Pasteur 2000Uvaggio: Merlot, Cabernet franc

Di colore rosso granato scuro, impenetrabile. Al naso estremamente intenso e molto complesso. Caratterizzato da sensazioni fruttate, floreali, speziate e nello specifico da note candite, note caramellate, marasca, ciliegia. In bocca è molto morbido e rotondissimo. Rimane una chiara sensazione di cacao per un’ottima persistenza.. Un grande vino, quindi. Volendo trovare qualche difetto si potrebbe sostenere che il colore potrebbe essere un po’ stanco.. In conclusione io e Robert Parker, definitivamente, non abbiamo gli stessi gusti, visto che il precedentemente detto assegna a questo Le Bon Pasteur novantacinque centesimi. Mmmm…

[s4]

Saint-Émilion AOC – Château Magdelaine 1967

Saint-Emilion AOC – Chateau Magdelaine 1967Uvaggio: Cabernet sauvignon, Merlot

Che emozione. Nel 1967 veniva occupata l’università di Pisa, Che Guevara veniva catturato ed ucciso, Ceauşescu diventava Primo Ministro in Romania. Nascevano Roberto Baggio, Kurt Cobain ed Eddie Guerrero. Moriva John Coltrane. Venivano vendemmiate le uve di questa bottiglia, tra l’altro. Bottiglia che, oggi, quarant’anni dopo si presenta nel bicchiere con un bel color aranciato con riflessi mattonati. Limpido e con un’ottima lucentezza. Al naso non da sensazioni di ossidazione ma anzi, soprattutto speziate: cannella, pepe, chiodi di garofano, china, rabarbaro, liquirizia, cuoio, tabacco. In bocca è ancora vivo, nonostante un tannino che ha sicuramente vissuto tempi migliori. Ottima corrispondenza con il naso, però, e buona persistenza. Adesso sento mio padre per capire cosa stava facendo lui, nel 1967..

[s4]

Saint-Estèphe AOC – Château Montrose 1999

Saint-Estèphe AOC – Chateau Montrose 1999Uvaggio: Cabernet sauvignon, Merlot, Cabernet franc

Buonissimo, prima di tutto. Poi, di un bel color rosso granato tendente all’aranciato. Naso estremamente fine e piacevole caratterizzato da note fruttate, floreali, speziate. In bocca è un vino lineare, caratterizzato da un tannino molto elegante. Rimangono sul palato sentori di cuoio e di tabacco. Complessivamente molto armonico e con un’ottima persistenza. Per la cronaca, rimane in barrique 18 mesi ed è un Deuxièmes Crus secondo la classificazione dei vini di Medoc del 1855.

[s5]

Pauillac AOC – Château Duhart-Milon 2000

ChateauDuhart-Milon2000Uvaggio: Cabernet sauvignon, Merlot

Buono, questo Bordeaux. Colore rosso granato netto. Fruttato, erbaceo, speziato: note di frutti rossi, di cassis, di peperone, di cacao, di caffè, di terra. In bocca ottima sapidità e freschezza pur essendo assolutamente equlibrato. Assolutamente armonico e con un’ottima persistenza. E’ un quatrimies cru, stando alla classificazione del 1855.

[s3]

Haut-Médoc AOC – Château Cantemerle 2000

CantemerleUvaggio: Cabernet sauvignon, Merlot, Cabernet franc, Petit verdot

Cinquièmes Cru secondo la classificazione ufficiale dei vini di Bordeaux del 1855. Inoltre, i vigneti di Chateau Cantemerle sono a poche centinaia di metri da quelli di Chateau Margaux. Questo millesimo, che rimane in barrique per 12 mesi, si presenta color rosso granato abbastanza intenso. Fruttato e speziato, sensazioni verdi, di ribes, prugna, pepe, caffè tostato. Cacao ed un legno leggero accompagnano una bocca molto tannica, con una buona sapidità ma con un’acidità elevata che complessivamente lo rende ancora non completamente armonico. Ci siamo quasi.

[s3]

Bordeaux AOC – Château Margaux, Pavillon blanc 2000

Pavillon2000Uvaggio: Sauvignon

Alzo le mani! Di color giallo paglierino brillante con sfumature di oro bianco. Naso molto fine e raffinatissimo. Fruttato, floreale, fragrante con una spiccata mineralità. Vino leggero ma di grande struttura, acido il giusto ma quasi burroso. Una nota legnosa di grande eleganza su un finale di ottima persistenza. Bottiglia fantastica.

[s5]

Sauternes AOC – Château Filhot 1990

chateaufilhotUvaggio: Semillon, Sauvignon, Muscadelle

Amo i Sauternes, rimarrei ore a rimirarne la lucentezza ed a sentirne i profumi. Questa bottiglia non fa eccezione. Diciassette anni portati con stile. Oro lucente alla vista. Naso di ottima intensità e complessità: albicocca, pesca, frutta tropicale, fichi, miele. Bocca equilibrata, di grande persistenza ed armonia con sentori di caramello sul finale. Lasciatemi solo con lei ed un po’ di fois gras e sarò felice. Oh yeah.

[s4]

Sauternes AOC – Château Suduiraut 1995

ChateauSuduiraut

Uvaggio: Sémillon, Sauvignon

Vino straordinario. Armonico, abbastanza equilibrato, e dalla persistenza praticamente infinita – ok, forse no, ma davvero lunghissima. Caldo, dolce e morbidissimo, abbastanza fresco. Suadente.
Al naso esprime sentori fruttati, floreali e speziati, intensi e piacevoli: miele, limone – in generale agrumi, crema pasticcera. Il colore è giallo dorato carico e splendente. Amo tantissimo i Sauternes, ça va sans dire

[s4]