Un post di servizio, ci sono scintillanti novità

Il fatto, quello centrale, è che da circa un anno frequento meno il blog. Ci penso meno e non avverto la necessità di aggiornarlo continuamente. È un po’ come se fosse una cosa che piano piano ha lasciato spazio sull’agenda a questioni più urgenti. Non solo. In questi mesi ho sempre avvertito la necessità di spostare la mia attenzione altrove, come se questa fosse una formula con la quale mi sono ormai confrontato ed alla quale non ho più molto da aggiungere. Se penso che i blog siano finiti? Au contraire, è cambiato il traffico, sono cambiate le modalità di fruizione, in parte sono cambiati anche i contenuti. Piccoli spazi come questo rimangono però vitali nella costruzione di una certa coscienza collettiva, in particolare per segmenti così specifici come quello del vino. Di più, se c’è un evento che ha caratterizzato questi ultimi dieci anni è sicuramente l’avvento dei blog di settore. Un’ondata che a guardarla oggi ha avuto un impatto fortissimo e profondissimo nel raccontare un mondo che dieci anni fa aveva appena cominciato a mettere il naso fuori dalla propria cantina. Il nuovo vino italiano.

Insomma, in questi ultimi mesi la mia attenzione era decisamente rivolta altrove. Sono molto orgoglioso per esempio di poter contribuire, nel mio piccolo ed in particolare per la regione che mi circonda, alla nuova edizione di una guida che da diversi anni considero un po’ come un faro, il cui team di assaggio impressiona per levatura e spessore. Circa sei o otto mesi fa ho poi incominciato ad immaginare con un amico un progetto che piano piano, settimana dopo settimana, cominciava ad assumere un senso compiuto. Un viaggio alla scoperta dell’Italia del vino che potesse coniugare diverse esigenze e diverse passioni. L’inglese, per esempio. Sono anni che periodicamente si riaffaccia nei miei pensieri l’idea di realizzare qualche cosa in lingua. Ci volevano però tutta una serie di particolari congiunture affinché fosse traccia capace di diventare reale. E poi la carta. Esatto, la carta. Quella più bella, quella da annusare, accarezzare e collezionare. Chi mi conosce sa quanto questa sia una passione che è cresciuta con il tempo e che ha trovato compimento con l’incontro con l’amico di cui sopra. Un editore che ha visto nel vino una scintilla che io avevo intuito ma che faticavo a fare del tutto mia.

Un magazine cartaceo in sola lingua inglese, una pubblicazione trimestrale sull’Italia del vino naturalmente affiancata da tutta una serie di contenuti digitali riservati agli abbonati. Una rivista capace di guardare a questo mondo con uno sguardo un po’ laterale, come piace a me. Un contenitore fatto di grandi storie prima ancora che di grandi bottiglie capace di raccontare al mondo il nuovo vino italiano, appunto.

Ecco, questa è la scintillante novità che avevo annunciato poco prima di capodanno e che in questi mesi è diventata concreta. Non so ancora cosa succederà di preciso nelle prossime settimane. So solo che nel turbinio di cose che compongono la mia quotidianità questa avrà uno spazio speciale e che per forza di cose il blog, questo spazio che curo da ormai più di sette anni (un periodo praticamente infinito, una delle attività più costanti e longeve della mia vita), passerà inevitabilmente in secondo piano. Per ora rimarrà qui, tale e quale. In futuro chissà. L’unica cosa certa è che investirò in questo nuovo progetto tutto il tempo necessario e tutto l’impegno di cui sono capace.

Come si chiamerà? Questo non ve lo posso dire, non ancora almeno. Scoprirete tutto tra pochissimi giorni.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Vedo gente, faccio cose | Tag: | Commenta

4 Commenti

  1. paola
    Pubblicato 29 maggio 2014 alle 13:41 | Link

    giustappunto, everything changes.
    I wish you all the best!

  2. Pubblicato 29 maggio 2014 alle 17:38 | Link

    Ecco, una rivista sul vino italiano in inglese è un po’ come abbassare le tasse sul lavoro: una di quelle cose che si sente dire da tutti che bisognerebbe fare. Non ultimo un famoso sommelier ad una cena a cui sono stato di recente, che avrebbe certamente modi e risorse in abbondanza, se veramente lo volesse.

    E finalmente qualcuno la fa.

    Grazie, e in bocca al lupo! Il primo abbonato l’hai trovato :)

    • Pubblicato 29 maggio 2014 alle 17:56 | Link

      Grazie caro Antonio, aspetterò un tuo commento quando sarà finalmente stampata.

Un Trackback

  1. Scritto da Settembre, a wine journey in Italy | Enoiche illusioni il 3 giugno 2014 alle 11:57

    [...] È così che si chiamerà il nuovo progetto su cui ho lavorato negli ultimi mesi e che ho anticipato qualche giorno fa. Un magazine cartaceo, in sola lingua inglese, sull’Italia del vino che in [...]

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è interamente affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter

  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License