in Buone idee

Viva la carta di qualità

Ha fatto capolino ieri nella mia cassetta della posta -quella reale, non quella elettronica- il primo numero di Dispensa, magazine interamente “dedicato a tutti gli amanti del cibo e dell’universo che gli gira intorno”. Un bel progetto di un centinaio di pagine fatto di storie, anche lunghe, che forse non siamo più abituati a leggere; che richiedono attenzione e concentrazione ma che ripagano con un senso di grande appagamento. Di carta? Si, di carta. Da tempo infatti sono convinto esista uno segmento specifico per un certo tipo di pubblicazioni di grande, grandissima, qualità che non soffre la crisi editoriale e che anzi, nel peso di una carta da 140 grammi, nella bellezza di grandi fotografie, nella qualità di testi anche di diecimila battute trova un senso particolarmente compiuto.

Oggetti che spesso riprendo in mano, che colorano le stanze di casa e che non potrei mai immaginare di leggere (solo) in digitale. Ecco che quindi Dispensa forse andrà ad affiancarsi a pubblicazioni cui sono particolarmente affezionato come Rivista Studio, IL MagazineMonocle, CerealApartamento ed altri. E poi sto pensando di abbonarmi a Howler, un magazine che sta ridisegnando la narrazione del calcio non solo negli Stati Uniti.

Scrivi un commento

Commento

  1. Credo che il fascino della rivista cartacea sia, come tanto altro, il tempo.
    La newsletter, la notizia sul blog, il quotidiano online, vengono letti di sfuggita, cercando di prendere l’informazione immediata. E la scarsa lunghezza di un articolo, o di un post, digitale, è lì a dimostrarlo.
    Inoltre mettere su un blog costa al massimo 50€ l’anno. Se qualcuno spende soldi, tempo, organizzazione, per pubblicare e diffondere una rivista, vuol dire che ci tiene davvero.
    Il rumore che fanno le pagine mentre le sfogliamo, non ricorda un po’ lo scricchiolio dei dischi in vinile?

  2. Aggiungo che trovo fantastica anche l’attesa stessa del magazine, che ci si ritrova nella cassetta (quella vera) proprio l’unico giorno in cui non lo si attende con ansia.
    Pensavo oggi anche a quanto è ancora bello comprare libri, avere in mente di comprarli, cercarli, nemmeno chiedere se ci sono e dove sono quando si entra in libreria, gustare quegli attimi in cui ci si avvicina allo scaffale giusto e scovare la tua copia che ti aspetta.
    Belle cose, queste si a mio avviso non tecnologicamente rimpiazzabili.

  3. Ci sono letture che proprio non riesco ad affrontare in digitale, soprattutto quando l’articolo è lungo e magari l’argomento richiede particolare attenzione. Nel web a mio avviso sono più adatti scritti brevi. La “carta” spesso mi da soddisfazione visiva tattile, è un momento di intimità tra me e ciò che sto leggendo. Questo non potrebe accadermi nel web, ne son certa!, e allora come dici tu “Viva la carta di qualità”.

Webmention

  • Faccio cose, etc. etc. | Enoiche illusioni 4 ottobre 2013

    […] del perchè e del come, insieme a chi una splendida rivista l’ha già fatta, vi ricordate di Dispensa e di Martina […]

  • Un post di servizio, ci sono scintillanti novità | Enoiche illusioni 4 ottobre 2013

    […] più bella, quella da annusare, accarezzare e collezionare. Chi mi conosce sa quanto questa sia una passione che è cresciuta con il tempo e che ha trovato compimento con l’incontro con l’amico di […]