in Assaggi, Toscana

Il Berace di Massa Vecchia e l’urgenza di andare in vacanza

E insomma. Mancano tre giorni, solo tre giorni, a quello che sarà un brevissimo periodo di vacanza impreziosito da diverse visite in cantina (Sardegna, arrivo). In tutto questo qui a casa non si smette di cercare conforto in bottiglie capaci di essere buone – buone davvero – senza però impegnare troppo la mente, che con questo caldo il cortocircuito è assicurato. Ecco quindi fare capolino dalla cantina il “Berace” 2010 di Massa Vecchia, un vino goloso come pochissimi altri, da leccarsi (letteralmente) le labbra. Uno di quelli che nel suo essere così buono, sfaccettato e profondo, riesce anche ad essere sempre semplice, senza inutili sovrastrutture. E poi la sua dimensione più bella, quella di vino defaticante, da bere e basta. Che goduria.

Lascia una Risposta per Jacopo Cossater Cancella Risposta

Scrivi un commento

Commento

    • Ciao Alessandro, il Berace è – se vogliamo – il più semplice dei vini della cantina di Massa Marittima. Al tempo stesso è però inconfondibile quel tratto che li accomuna tutti quanti, così largo e mediterraneo. Ad una quindicina di euro in enoteca, non so davvero cos’altro chiedere.