in Parlo da solo

Spoleto, c’era una volta Vini nel Mondo

Mi rendo conto che è notizia un po’ periferica rispetto alle conversazioni più mainstream ma Vini nel Mondo, a Spoleto, è manifestazione che ho frequentato e di cui ho scritto in più occasioni (nel 2008, nel 2009, nel 2010 e nel 2011, quando ho anche condotto una degustazione, è cosa che ricordo con molto piacere). Bene, la novità di oggi è che sembra sia rassegna arrivata al capolinea. Mi dispiace, è ovvio, ma forse è anche la dimostrazione di un format che non va, e che non può più funzionare.

Mi spiego: Vini nel Mondo era quel tipo di manifestazione un po’ caciarona che non si rivolgeva agli operatori di settore e che al tempo stesso non aveva un target vero e proprio di appassionati. Al suo interno c’era un po’ di tutto, dalla piccola cantina del territorio alla grande cooperativa. Stiamo parlando di una manifestazione che si svolgeva nel weekend e che aveva il suo momento clou nella “notte bianca”. E ho detto tutto. Da tempo i produttori che partecipavano lo facevano controvoglia, spesso mandando solo i campioni ed affidandosi ai sommelier del posto per la mescita e per la relativa spiegazione (una pratica tremenda, non lo sottolineo mai abbastanza). I produttori che invece venivano di persona in molti casi arrivata una certa ora scappavano, letteralmente, per cercare di evitare i tantissimi che nel tardo pomeriggio andavano solo in cerca di bicchieri facili.

Insomma, vedremo un po’ se è notizia che verrà confermata. in tutti i casi si tratta di un format che fa girare parecchia gente, mi riferisco anche alle presenze turistiche in loco, ma la cui utilità per le cantine aderenti è tutta da dimostrare.

Scrivi un commento

Commento

  1. Concordo in pieno con quanto scritto sopra…ma aggiungo: vini nel mondo poteva anche essere l’occasione per un semplice appassionato come me, per partecipare a delle belle degustazioni, molto ben organizzate. Mi vengono in mente quella del trebbiano spoletino (ne sai qualcosa?) o quella dei bianchi invecchiati dello scorso anno. O ancora la degustazione Verrigni Valentini. Tanto caos da bicchiere facile, é vero, ma anche un momento per noi appassionati che viviamo in Umbria, dove gli eventi scarseggiano. Peccato,vien da dire…