in Parlo da solo

Cito testuale: “Vinitaly ha sempre fatto delle eccezioni per i blogger italiani”

Torno velocemente sulla vicenda (poi basta, prometto) degli accrediti, ieri sera infatti il responsabile dell’ufficio stampa di Vinitaly è intervenuto su Vinix per chiarire alcuni aspetti relativi a questo aspetto. Prima di tutto però scopriamo che la tanto discussa iniziativa dei “reputable foreign bloggers” non ha niente a che fare con il suddetto ufficio stampa, ed è cosa interamente ideata e portata avanti da una costola chiamata Vinitaly International, quella che si occupa della promozione del vino italiano all’estero. Poi quella che emerge è una verità ben nota, ovvero che per quello che riguarda gli accrediti si sono sempre fatte delle eccezioni, in particolare per quei “professionisti italiani della rete” con cui “in lunghi anni abbiamo sviluppato un dialogo, una conoscenza ed un reciproco rispetto“.

Mentre quindi da una parte le regole di accesso apparivano particolarmente stringenti, solo giornalisti iscritti all’Ordine e solo testate registrate (con richiesta scritta del direttore responsabile), dall’altra si scopre che non era affatto così e che “Veronafiere e Vinitaly, negli anni, hanno sempre fatto delle eccezioni per i blogger italiani, e non solo per questa categoria“. Insomma, una vicenda tutta italiana. As usual.

Scrivi un commento

Commento

  1. Aggiungo, per completezza, anche il link al posto di Carlo Alberto Delaini, responsabile dell’ufficio stampa di Vinitaly che naturalmente non ha le redini di ogni decisione presa dalla Fiera ma che se non altro ha aperto una breccia per un dialogo pubblico sul tema ed è la prima volta, proverei a coglierla con spirito costruttivo, ferme le critiche al modus operandi adottato fino ad oggi: https://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=6970

    Ciao, Fil.

Webmention

  • Breaking news, Vinitaly apre ai blogger (esatto, anche quelli italiani) | Enoiche illusioni 2 aprile 2013

    […] avevo dedicato alla questione un certo numero di post (ecco il primo, il secondo, il terzo ed il quarto), è anche vero che è questione che è “sul tavolo” da diverse stagioni e che […]