in Assaggi, Slovenia

La malvasia “Quattro Stati” di Marko Fon

C’era un’aria tutt’altro che primaverile, questa mattina nel Carso. In vigna, senza ombrello, la pioggia era quasi ghiacciata e la temperatura pericolosamente vicina allo zero. Intorno a noi il più rumoroso dei silenzi, quello della Bora. Un suono costante, profondo e baritonale, che avvolgeva tutto quanto e che ci costringeva ad usare un tono di voce quasi innaturale, come fossimo ad un concerto.

La melodia del Carso.

Occasione della gita la voglia di comprendere un particolare tipo di equilibrio, quello che nasce in pianta. Viti anche centenarie la cui potatura varia tantissimo, dall’unico tralcio delle piante più esili (no, non giovani) fino ad arrivare agli otto/dieci di quelle più robuste, esemplari meravigliosi per maestosità. “Ogni pianta ha un’energia diversa. Scopo non è concentrare o, al contrario, diluire ma capire quello che ognuna può dare e agire di conseguenza“. Un piccolo appezzamento, questo, appena fuori il centro abitato di Gorjansko e formato da poche decine di piante che hanno visto cambiare il mondo. Viti che sono state piantate durante la dominazione austro-ungarica e che ad un certo punto sono diventate italiane, che hanno preso il passaporto slavo e che oggi sono slovene. Il vino che ne deriva, poco più di duecento litri di malvasia, viene equamente diviso tra i due proprietari, Marko Tavčar e Marko Fon. È quest’ultimo che dopo averla fatta maturare poco più di due anni nella sua cantina di Boriano la imbottiglia e la etichetta come malvazjia “Quattro Stati”.

Uno dei vini bianchi più buoni del mondo.

Scrivi un commento

Commento

Webmention

  • Verona 2013, ho assaggiato cose che non riesco a dimenticare | Enoiche illusioni

    […] proposito di bianchi, e qui mi ricollego velocemente alla recente trasferta carsica, c’è un produttore che mi ha stupito più di […]