in Parlo da solo

Ma quale complotto, è stato il maggiordomo

Per amor di completezza, ho accennato alla vicenda un paio di volte, riprendo quanto riportato questa mattina da TgCom24 e da Percorsi di Vino:

Sarebbe un ex dipendente il responsabile dell’atto vandalico compiuto nei giorni scorsi nelle cantine della ditta vinicola Case Basse di Montalcino (Siena), quando ignoti hanno versato nelle fogne 600 ettolitri di Brunello, danneggiando irreparabilmente la produzione dell’azienda guidata da Gianfranco Soldera. L’uomo, Andrea Di Gisi, avrebbe compiuto l’atto vandalico per vendetta dopo essere stato licenziato.

Scrivi un commento

Commento