Ma quanto si sta bene a Fornovo?

Sto scrivendo questo post dal sedile posteriore della macchina che, dopo una giornata a dire poco intensa, mi sta piano piano riportando verso casa. Non c’è molto da dire, se non che si tratta di un appuntamento a tratti imperdibile. Vini spesso molto buoni, un nutrito numero di ottimi produttori, un’atmosfera affollata ma al tempo stesso rilassata, un bel po’ di sorrisi a fare da leitmotiv. Voglio dire, in fondo a fare grande una manifestazione cosa ci vuole davvero? Le persone, tutto il resto è un piacevole accessorio. Come gli ormai mitici secchi che appoggiati a terra sostituiscono le fin troppo sopravvalutate sputacchiere da tavolo. O il tendone (si, Vini di Vignaioli è manifestazione che si tiene dentro una grande struttura temporanea adiacente la Pro Loco di Fornovo, Parma).

E i vini? È stata trasferta troppo breve per riuscire a fare una panoramica significativa. Ho saltellato qua e là cercando di assaggiare vini che prima non conoscevo o che non assaggiavo da un po’ troppo tempo. Ed è solo adesso, in macchina, che mi rendo conto con un certo dispiacere di non aver fatto una sosta anche breve da San Fereolo o da Cantina Giardino. Da La Biancara o da Nino Barraco. Da Cinque Campi o da Ca’ de Noci. Ma solo per citarne alcuni, vado a memoria tra i tanti visi intravisti dietro ai banchetti.

Sempre grandi gli Champagne di Francis Boulard anche se la vera rivelazione in terra francese è stata quella di Domaine Fontedicto. Due Languedoc di grandissima beva e dallo spiccato carattere mediterraneo. Ancora, grazie. Di Denis Montanar e di Borc Dodòn avevo recentemente assaggiato un merlot di grande piacevolezza. Buono, ma niente in confronto agli strepitosi Vis Blàncis 2006 e Vis Nèris 2003. Unica pecca i prezzi, ad occhio davvero troppo alti. Grandi anche gli assaggi pugliesi di Natalino Del Prete. Primitivo e negroamaro in particolare, entrambi 2011. Tanto, tantissimo sole anche dentro al Barrosu 2009 di Giovanni Montisci. Un cannonau gentile nello svelarsi ma dal carattere travolgente. I Boca di Conti mi hanno prepotentemente riportato alla mente la necessità di andare a scoprire i nebbioli del nord quanto prima. Bicchieri eleganti e generosi. Da tenere d’occhio con attenzione il lavoro del bravo e giovane Davide Spillare, a Gambellara. Il suo merlot va giù come pochi altri. E i rossi tutti, nessuno escluso, de La Stoppa.

E poi Gli Eremi 2010 de La Distesa, uno dei bianchi dell’anno. I meravigliosi Brunello di Montalcino del Paradiso di Manfredi. Tutti quelli in assaggio, dal 2006 alla Riserva 2004. Dal 2005 al 2003. E il sempre accogliente Chianti Classico Le Trame 2009 di Giovanna Morganti.

Insomma, riportatemi là.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Vedo gente, faccio cose | Tag: , , , , , , , , , , , , , | Commenta

8 Commenti

  1. Pubblicato 6 novembre 2012 alle 19:04 | Link

    Il Lessona ti ha aperto una breccia nel cuore, neh?
    Nic ha preparato una orizzontale di Bramaterra e altre nebbiolità del nord, dobbiamo approfittarne prima che li beva tutti in solitudine!

  2. Spanna
    Pubblicato 6 novembre 2012 alle 20:43 | Link

    Quanto si sta bene a Fornovo? La fotografia dice molto! Già dalle due del pomeriggio l’affollamento era tale che si faceva la coda presso molti produttori presenti e parlare con loro era quasi impossibile. Il tendone sarà naif e commisurato all’esigenza di trasmettere l’idea di una produzione artigianale ( bastava comunque osservare le mani di molti espositori presenti) ma il rumore di fondo era piuttosto disturbante. In contesti così io riesco solo a intuire il livello di un vino e non mi permetto giudizi articolati. Il pregio della manifestazione resta il fatto che ho potuto acquistare vini di produttori che non sono distribuiti dalle mie parti e che sono quelli che più mi sono piaciuti: Guttarolo, Tenuta del Castellaro, Casa Coste Piane, San Vito, Donati, San Fereolo, Saetti, Dalzocchio. L’unico rimpianto non avere potuto acquistare il rosso e il brunello dei Poderi Santa Maria che mi sono apparsi di grande ( grandissimo … esagero) livello. Concordo con una percezione di una diffusa buona qualità dei vini presentati.L’unico vero punto interrogativo per me è stato con i vini bianchi di Cantina Giardino che mi sono apparsi, perdonatemi il termine, un po’ “arruffati”.

  3. Pubblicato 6 novembre 2012 alle 23:21 | Link

    Grazie del bel commento. C’è da dire che io sono stato a Fornovo ieri, lunedì, e che non ho mai “sofferto” il numero delle persone presenti. Per il resto.. che bello!

  4. Pubblicato 7 novembre 2012 alle 12:54 | Link

    Mi piace molto Le Boncie, sia il suo super Le Trame 2009 che il 5 2010

  5. Guido
    Pubblicato 7 novembre 2012 alle 21:40 | Link

    Grandi assaggi del giorno sono stati: Porta di vertine, natalino del Prete e Eugenio Rosi.
    e poi che buono il Boca di Castello Conti!!!!

  6. emilio
    Pubblicato 7 novembre 2012 alle 22:34 | Link

    Quest’anno doppio appuntamento per Vini di Vignaioli: il 9 e 10 dicembre si replica ad Orvieto (TR) nello storico Palazzo del Capitano. 50 vignaioli porranno in degustazione e vendita i loro vini naturali. Con qualche chicca in più come i vini georgiani ottenuti in anfora come da millenaria tradizione…per info@vinidi vignaioli.com http://www.vinidivignaioli.com

  7. Pubblicato 8 novembre 2012 alle 22:01 | Link

    Invece di riportarti là, sono loro che vengono da te (più o meno) il prossimo mese, Jacopo non sei felice?????? ;)

  8. Pubblicato 8 novembre 2012 alle 22:10 | Link

    Non male in effetti. Non vedo l’ora di vedere la lista degli espositori. :D

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è interamente affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter

  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License