in Assaggi, Veneto

Colli Trevigiani IGT, Conte Loredan Gasperini “Capo di Stato” 1997

C’è questa cosa che ultimamente mi fa rimanere affascinato da vini senza tempo, spesso quasi dimenticati nel cassetto e superati a destra da denominazioni capaci di imporsi con più facilità. Voglio dire, in quanti -oggi- pensando ad un grande vino rosso, uno di quelli capaci di sfidare il tempo grazie a caratteristiche come eleganza ed austerità, andrebbero con la mente alla provincia di Treviso?
Eppure il Capo di Stato è un vino piuttosto enorme per concezione e statura. Un taglio bordolese appena inusuale nell’uvaggio con cabernet franc e sauvignon a farla da padroni, affiancati da un po’ di merlot e di malbec. Un vino che nasce negli anni sessanta da vigne già allora vecchie ed il cui nome deriva dal Presidente francese Charles De Gaulle, a cui è stato poi dedicato il vino. Un taglio bordolese, come lo definisce Angelo Peretti, ante-parkeriano, fine, quasi tagliente nell’impostazione. I terreni rossi da cui nasce, ricchi di ferro, portano il luogo nel vino donandogli note cha spaziano dalla ruggine al lambic, dalla prugna al sangue, dalla liquirizia alla mora. Anche in bocca non si dona facilmente: inizialmente rigido si apre poi generoso grazie ad un tannino trascinante ed una morbidezza mai sfacciata. E poi il finale, decisamente sconcertante per lunghezza ed eleganza.

Un vino, un taglio bordolese, magnifico per impostazione ed espressività. Da non mancare.

[s4]

Scrivi un commento

Commento

Webmention

  • Dieci vini per il duemiladodici. E dieci canzoni. | Enoiche illusioni 5 aprile 2012

    […] Capo di Stato, Conte Loredan Gasperini – Dedicato a tutti quei vini che nonostante siano meno mainstream – per zona di produzione, per vitigni, in generale per coolness – hanno personalità da vendere […]

  • Il Regaleali di Tasca D’Almerita, un cabernet sauvignon, uno di quelli grandi | enoiche illusioni 5 aprile 2012

    […] legato al taglio bordolese in Italia. Qualche giorno fa era infatti passato da queste parti il Capo di Stato, bicchiere stupefacente per espressività. È che non so, a volte mi sembra ci sia una rincorsa […]