in A sud di nessun nord

A sud di nessun nord, un aggiornamento

Era l’otto marzo e scrivevo di un idea che mi girava per la testa, quella di partire per un breve viaggio lungo i vigneti del sud. È passato più di un mese e prima di qualunque altra considerazione vorrei ringraziare le tantissime persone che hanno commentato e che mi hanno scritto consigliandomi dove andare, cosa visitare, chi incontrare. Sono stato -letteralmente- travolto da una partecipazione inaspettata. Grazie, grazie, grazie.

La data è ufficialmente segnata ed è quella dell’imminente ventisei aprile. In questi giorni sto definendo gli ultimi dettagli, se tutto andrà come da programma in tre settimane dovrei riuscire a sfiorare il trebbiano in Abruzzo e la tintilia in Molise. Attraversare il Vulture e rotolare fino in Salento. Risalire la Manduria e scoprire Cirò. E poi l’Etna, Vittoria, Trapani prima di fare un centottanta e risalire tutta la costa (con diverse tappe) fino al Cilento, l’Irpinia, il Sannio.

Non vedo l’ora.

Scrivi un commento

Commento

  1. Gian Paolo, dai, prima dell’estate dobbiamo trovare un’occasione.

    Paola, farò del mio meglio, promesso. Connessione mobile permettendo conto di aggiornare il blog quasi quotidianamente.

  2. Un pizzico di invidia per questo splendido giro dell’Enotria … trascurata, trascuratissima, ma piena di gemme. Ci dia luce, ci informi, ci spieghi. Il vino buono c’è anche al sud, eccome se c’è.

    E poi, un consiglio superalcolico: intanto che è a Marsala, passi dai Bianchi e assaggi il loro brandy Leone, gira voce che sia uno dei migliori della penisola; noi italiani con la solita idiozia o accidia, scegliete voi, non sappiamo valorizzare l’immensa potenzialità anche a 40° che abbiamo. Forse qualcuno laggiù ha cominciato a farlo…

    Buon viaggio ! 🙂