in Assaggi, Sicilia

Nero d’Avola IGT, Azienda Agricola Do’ Zenner “Terra delle Sirene” 2004

In queste settimane dense di assaggi il Nero d’Avola di Do’ Zenner è uno di quelli che mi hanno fatto alzare il sopracciglio, una scoperta inaspettata e per certi versi fulminante. Un Nero d’Avola che già al naso dimostra la sua grande vocazione mediterranea. Il taccuino, riempito di note insieme ad alcuni amici di bevute, racconta di more di gelso e mare, di carrube, di cioccolato e di una lieve affumicatura. E poi quella nota quasi salata che subito è facile da avvertire al palato a cui fanno seguito un tannino di grande eleganza ed una florealità particolarmente diffusa. Un vino rinfrescante, caratterizzato da una bellissima acidità e che finisce con un richiamo nobile come quello dell’anguria.

Insomma, tanta tanta Sicilia in un Nero d’Avola capace di ridisegnare i confini della tipologia grazie ad una bellezza espressiva rara da trovare altrove. Bottiglia segnata con il pennarello, il mese prossimo sarebbe bello passere a trovare anche lui per vederci più chiaro.

[s4]

Scrivi un commento

Commento

  1. Sono felice che ti sia piaciuto, è un Nero D’Avola che ci fa capire le potenzialità immense di un territorio che sembra nato per fare vino di qualità, ti consiglio un giro sul calcare bianco di contrada Bufalefi e contrada Buonivini accompagnato da Do’ Zenner.
    Nella mia cantina non manca mai.
    Tempo fà ne avevo parlato anch’io di Do’ Zenner.
    ciao
    Luigi

Webmention

  • Giorno sedici: Tenuta Regaleali | enoiche illusioni 24 marzo 2012

    […] Già la settimana scorsa avevo fatto una piccola deviazione per andare ad assaggiare quello di Do’ Zenner: lì avevo trovato note fruttate e salmastre, di grande piacevolezza nel farsi bere così […]