in Assaggi, Toscana

Tanta Toscana, il Tignanello 1983

Intanto l’annata: il 1983 non è stato certo memorabile, anzi. Tanto che nella stessa tenuta, quella della famiglia Antinori, è stato prodotto il Tignanello ma non il Solaia. Poi un veloce cenno storico: questo pare infatti essere stato il primo sangiovese ad essere affinato in barrique e “tagliato” con varietà non tradizionalmente toscane, oggi sono il cabernet sauvignon (15%) e il cabernet franc (5%). Era il 1971, una piccola rivoluzione che avrebbe portato tantissimi grandi vini ad uscire dalle maglie della denominazione chiantigiana per raccontare un’altra Toscana. Prima infatti il suo nome era “Chianti Classico Riserva vigneto Tignanello”.

E più che una lunga serie di note relative all’assaggio mi premeva dire una cosa. Va bene che il sangiovese non è solo e che oggi c’è molta voglia di un certo classicismo, o purezza, comunque tipicità. Ma questo è di gran lunga il vino più toscano abbia bevuto da parecchio tempo a questa parte. Per tutti quegli accenni che solo il sangiovese sa regalare. Per quell’avvolgenza, per quell’aristocratica eleganza e per quella fantastica evoluzione che ho trovato nel bicchiere. Alla faccia del cabernet.

Scrivi un commento

Commento

  1. Bravo Jacopo, mi piace l’approccio con cui hai parlato della questione, sfidando i luoghi comuni che spesso ci attanagliano. (Ti suggerisco di assaggiare anche il Tignanello ’93, se ti capica, che a me pare una delle versioni più eccitanti per chi ama una certa spigolosità chiantigiana). Riguardo l’83, è vero, non è passata agli annali come grande annata ma forse lo è diventata, col famoso senno del poi. Almeno in una certa Toscana, quella di Montalcino, che ha partorito due capolavori inarrivabili e ormai mitici come il Brunello Riserva di Gianfranco Soldera e quello di Biondi Santi (ho avuto la fortuna di assaggiare entrambi i vini negli ultimi due anni). Sulla storia delle grandi annate vere o presunte dovremo tornare, prima o poi… PS: un uccellino mi ha detto che qualcuno sta pensando ad un Tignanello 100% sangiovese. Vedremo…