Il pinot nero riserva 2008 “Sandbichler” di H. Lun

Quanto incide il prezzo nell’acquisto di una bottiglia? Molto, è ovvio.

No, è che sto scrivendo queste poche righe dal Trentino, l’Alto Adige è proprio qui dietro, e (com’era assolutamente prevedibile) sto bevendo un sacco di pinot nero. La possibilità di trovarli praticamente in ogni dove mi ha permesso di riassaggiare i sempre fantastici Gottardi, Carlotto e Dalzocchio. Ma anche Hofstätter, Franz Haas, ed il costoso Hartmann Donà. Senza voler fare inutili parallelismi con la Borgogna si può dire che in zona si riesca a bere davvero bene spendendo cifre piuttosto ragionevoli. Per dire, a parte il Vigna San Urbano praticamente tutti i pinot nero di Mazzon si aggirano in enoteca intorno ai venti euro. E spesso ne vale davvero la pena.

Tutto questo per dire cosa? Poco, se non che mi sono imbattuto in un pinot nero di Egna dallo straordinario rapporto tra qualità e prezzo. Quello di H. Lun. Un bicchiere particolarmente equlibrato e gentile, certamente non un mostro di complessità ma caratterizzato da una gran beva. Dieci euro per tanto un bel tannino quanto un bel finale, appena amaro e setoso. Insomma, una piacevole sorpresa.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Assaggi, Trentino-Alto Adige | Tag: , , , | Commenta

9 Commenti

  1. Pubblicato 27 agosto 2011 alle 14:23 | Link

    Prima di andare via bisognerebbe provare quello di Stroblhof!!!!

  2. Pubblicato 27 agosto 2011 alle 20:00 | Link

    Che conosco di nome e per un assaggio veloce di un paio d’anni fa. Ieri in enoteca c’era la sua riserva. Se consigli vado.

  3. Pubblicato 27 agosto 2011 alle 20:13 | Link

    Consiglio soprattutto la riserva ma anche il Pigeno!!Ah!Se c’è e non dovessi conoscerlo prova il Pinot nero di Garlider!!!

  4. orfeo
    Pubblicato 29 agosto 2011 alle 17:46 | Link

    Mi scusi, mi sono informato presso un’enoteca in provincia di Varese ma mi hanno indicato un prezzo superiore ai 20.– Euro. Il suo 10.– Euro é riferito al prezzo d’acquisto in cantina?
    Grazie

  5. Pubblicato 29 agosto 2011 alle 19:44 | Link

    Strano. In enoteca l’ho pagato dodici euro e qualche decina di centesimi.

  6. Pubblicato 29 agosto 2011 alle 20:01 | Link

    Grazie di questo post! Ho appenna comprato questo vino in un negozio a Del Mar, California… non ho assagiato ancora, ma adesso sono contenta che ho deciso di comprarlo! Qua negli states si paga $40, communque non mi sembra troppo per un vino di qualita’ ( specialmente si consideri il cosot di importarlo!)

  7. Pubblicato 30 agosto 2011 alle 09:49 | Link

    Grazie Joanie, un caro saluto. :)

  8. luca
    Pubblicato 15 settembre 2011 alle 14:59 | Link

    ciao a tutti,
    il pinot nero Matan di Ansitz Pfitscher miglior assaggio del 2011.
    franz haas purtroppo in calo ultimamente, lui che il pinot nero l’ha reso celebre da quelle parti.
    gottardi e carlotto sempre al top.
    delzocchio non lo conosco ma mi hai incuriosito, anche perchè in trentino non ho mai conosciuto grandi espressioni del vigneto borgognone.

    concludo con una provocazione: sto bevendo ottimi pinot nero borgona a 15-25 €. sono uno scalino, anzi due, sopra i migliori italici. i prezzi dei ns salgono inesorabili, mentre i francesi mi sembra facciano meglio di prima anche la fascia medio-bassa della loro produzione… che dite??

  9. Pubblicato 15 settembre 2011 alle 15:42 | Link

    …che hai ragione! Ultimamente sto dedicando anche io molto tempo alla Borgogna, anche se le occasioni per degustazioni e/o assaggi vari sono un po’ pochine (o mai abbastanza).

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License