in Parlo da solo

Meglio riutilizzare che riciclare

In questi giorni il sottoscritto ha acquistato una certa quantità di bottiglie di vetro per imbottigliare un’altrettanta quantità di vino acquistato sfuso. E si, si tratta di una considerazione di una banalità forse disarmante, ma è incredibile il volume di vetro che durante l’anno, semplicemente, buttiamo. E va bene la raccolta differenziata, ci mancherebbe (dalle mie parti è porta a porta, ogni sera un diverso tipo di rifiuto), ma possibile sia così difficile tornare alla più semplice delle cose? Mi riferisco al riutilizzo.

Il vuoto a rendere dovrebbe essere il futuro. Ed è anche il passato. Tutto torna.

Scrivi un commento

Commento

11 Commenti

  1. Parole sante…. Ci sono paesi dove questa pratica sta ottenendo, già da molto tempo, risultati straordinari….. Sarebbe ora…… Altro che raccolta differenziata….. Questa e’ la vera sostenibilita’

  2. Jacopo,
    ti propongo anche un’altra lettura della cosa..
    Mi riferisco a http://www.vignetosanvito.it che da pochi mesi propone il Bio.Fiasco, ovvero un cartone di vino (buonissimo) da acquistare sfuso nella misura preferita sulla base del consumo quotidiano…diciamo un bicchiere a tavola via..non ti dico altro, sul sito c’è spiegato meglio di cosa parlo.

    Ora al di là della qualità generale della loro produzione che secondo me è eccezionale (provare il loro Cabernet, e la loro Barbera), credo che oltre al vetro, nel 2011 questa sia necessariamente una strada che molti potrebbero seguire, sempre nell’ottica del tuo post.

    Lavorano in biodinamica..loro..ma questo non mi va neanche di metterlo come punto da citare per forza oramai.

    Ciao!
    Daniele

  3. d’accordo con te Jacopo. Pensati che un mio cliente di Venezia, toglie le etichette al ns. Paiele dopo l’utilizzo e sfruttando la chiusura a vite, porta in tavola l’acqua (microfiltrata) nelle ns. bottiglie e non in caraffa.

  4. Jacopo, si tratta di un cartone con involucro che protegge il vino con dosatore (che risucchia anche l’aria interna)…in pratica è una sorta di bag in box si!

    Non ho foto con me ma secondo me se parli con loro direttamente saranno lieti di darti info.

    Daniele

  5. Possibile, anche se non ne ho idea. Il mio era un esempio (in generale a parlare di bottiglie di vino il discorso si fa complesso ma un amico mi portava l’esempio di una città belga dove vive. Per ogni vetro riportato al supermercato -acqua, latte- ha uno sconto di 10c sulla spesa, mica briciole se moltiplicate per un anno di consumi. Sta poi al supermercato di turno riunirle e distribuirle ai rispettivi produttori).

  6. Semmai e’ il produttore che, alla consegna successiva, ritira il vetro usato…..e poi tutti i mezzi che girano in Italia per raccogliere la spazzatura da riciclare sono “ecologici”???

Webmention

  • Quelli che credono nel riutilizzo | enoiche illusioni 22 luglio 2011

    […] A solo un mese di distanza dal post in cui scrivevo dell’importanza del riutilizzo del vetro (l’impressione era ci potesse […]