in Parlo da solo

Io speriamo che me la cavo

Gira in rete uno scambio di email tra il presidente del consorzio di tutela Terre dell’Alta Val d’Agri DOC e Franco Ricci, direttore di Bibenda, a proposito della sistematica esclusione dalla guida Duemilavini dei produttori dello stesso. Ora, a parte che la veridicità di tale missiva è tutta da verificare, quello che mi lascia perplesso non è tanto il tono della risposta (!) quanto il fatto che il presidente dell’AIS Lazio, una delle più importanti ed influenti figure del vino italiano, non sia in grado di coniugare un congiuntivo. Uno.

Scrivi un commento

Commento

  1. spero che non siano vere e-mail perché in entrambe ci sono degli errori.
    Quello che preferisco è “recenzioni”.
    E’ proprio vero che la scrittura in internet è mera oralità 🙂

  2. A parte il fatto che c’è un indirizzo ed un nome ufficiale dell’AIS nella mail indirizzata da Pisani – sorprende come alcune persone stiano ancora lì a mantenere il sacco a questi personaggi…
    Che credibilità potrà mai avere la Guida DUEMILAVINI – sostenuta dall’AIS?