in Assaggi, Campionature, Toscana

Chianti Classico Riserva DOCG Castello di Monterinaldi 2005

Sangiovese 90%, Canaiolo 5%, altre uve a bacca rossa 5% | 15/20 €

Se forse in Monterinaldi non si trovano certe levità tipiche della zona di Radda non si può certo dire questa riserva non abbia stoffa da vendere. Voglio dire, lasciamo da parte tutta una serie di sentori legati a quelle finezze floreali un po’ tipiche e concentriamoci su toni più scuri, austeri e al tempo stesso aristocratici. E’ naso generoso nel rivelarsi, di un’intensità importante, giocato sul frutto e su una spezia che ricorda vagamente il pepe nero, ma solo alla fine.
In bocca stupisce per un distendersi mai ammiccante. Anzi, è quasi amarognolo al centro dell’assaggio (caratteristica comune in tutti i vini del Castello) e solo sul finale più aperto, capace di esprimere un’anima più croccante. Bella trama tannica per un vino molto lineare, che inizia e finisce senza mai tradire le attese.

[s4]

Scrivi un commento

Commento