in Assaggi, Toscana

Maremma Toscana IGT Massa Vecchia, Patrizia Bartolini 1999

Sauvignon

Mi sento un po’ in imbarazzo a scrivere dell’espressività dei vini di Massa Vecchia, come se fosse impossibile rendere parole le straordinarie emozioni che ogni volta riescono a regalare. C’è una componente di inafferrabilità che li rende al tempo stesso profondi e semplici, come se bere quel bicchiere fosse la cosa più naturale del mondo. Vini di cui godere, ancora ed ancora.

Il Patrizia Bartolini è bottiglia che appartiene alla memoria storica della cantina, oggi non più in produzione. Un sauvignon che veniva lasciato sulla pianta fino a raggiungere una surmaturazione ottimale e che poi era destinato ad un lungo affinamento in bottiglia prima di essere commercializzato. Un vino, almeno questo 1999, struggente. Capace di un richiamo territoriale così forte da portare un nuovo significato a questo termine, di cui spesso forse abuso. Un vino dolce prima di tutto. Un vino dal profilo olfattivo infinito, capace com’è di riportare la mente a sentori di ferro, scaldato da sole e dal mare. C’è una parte più fruttata, calda, i cui riconoscimenti spaziano dagli agrumi al miele. E poi una mineralità mai stanca, pietra focaia.
In bocca è leggiadro, veloce nel distendersi ed infinito nel ricordo. La sua è una dolcezza misurata, mai sopra le righe, perfettamente bilanciata da una grande freschezza. Un vino da meditazione, di quelli da lasciarsi cullare e trasportare.

Un miracolo.

[s5]

Scrivi un commento

Commento

  1. Miracolo, miracolo, miracolo. Certo che queste stelline dovrebbero consentire anche qualche flessibilità in più: non puoi utilizzare “miracolo”, quando le 5 stelline sono poche?
    Grande Sir, pur mangiando dei crackers, mi hai fatto venire voglia di riberlo 😉