in Assaggi, Emilia-Romagna

Emilia Bianco IGT Vittorio Graziano, Tarbianaaz 2009

Trebbiano | 10 €

Era settembre 2008 e non conoscevo Vittorio Graziano. Mauro mi consigliava il suo lambrusco ed io, felicemente ignorante ed in balia degli eventi, scrivevo del suo Tarbianaaz. Sono passati due anni ed il suo Lambrusco l’ho bevuto, eccome, il suo e quello di tanti altri. In questo periodo ho anche un po’ esplorato quell’Emilia fatta di “lambrusco e pop corn” e mi sono lasciato trasportare tanto dai vini quanto dai loro produttori. Ho scoperto un mondo intero, ed oggi non ne posso più fare a meno.
Ho scoperto per esempio che il Tarbianaaz, questo splendido vino bianco macerato con le sue bucce, si fa ancora con il cappello in gesso, a chiudere le vinacce appena riemerse, e che poi si apre solo con l’anno nuovo, qui si è sempre fatto così. E che poi nel bicchiere è una sorpresa continua, con tutti quei rimandi ad un mondo fatto di albiccocca, di terra e di canditi, senza mai stancare. Una bocca secca, piacevolissima ed avvolgente è il passo successivo per un vino che non ci si stancherebbe mai di tenere sotto mano. C’è quasi una trama che ricorda un vino rosso, ma leggero. C’è quel calore che non è mai troppo, accompagnato da una punta più profonda, quasi minerale. Ed una chiusura di grande personalità.
Ecco, quello che voglio dire è che la gioia della conoscenza è senza tempo, ci sarà sempre qualcosa da approfondire ed il Tarbianaaz è un vino che urla di felicità.

[s4]

Lascia una Risposta per gian paolo Cancella Risposta

Scrivi un commento

Commento

  1. Ho conosciuto Vittorio Graziano qualche settimana fa alla manifestazione “Vinnatur Taranto”; è un personaggio unico per carattere, simpatia e coerenza, ed i suoi vini lo rappresentano specularmente.
    Il Tarbianaaz, poi, è una vera sorpresa: sono questi i vini dell’Italia che emoziona ancora, nonostante tutto.

  2. Onore al mio grande ex capo …un vero personaggio.Per me il suo Tarbinaz “mure”- murato in dialetto- è un grido d’alsazia in collina emiliana…concedimi il termine.Da provare anche il suo Sassoscuro,vero capostipite dei vini rossi fermi in quel di Modena e provincia.ciao Gian Paolo