in Assaggi, Trentino-Alto Adige

Alto Adige Kalterersee Classico Superiore DOC – Baron di Pauli, Kalkofen 2009

Schiava | 10-15 €

A Caldaro a volte, visitando le varie cantine, si ha come l’impressione che ci sia un vino che va fatto per forza, che tanto è una cosa legata alla tradizione ed in cui però non è che ci sia tutta questa convinzione. Mi riferisco alla schiava. Certo, te lo fanno assaggiare ma poi, quando si tratta di parlare delle bottiglie importanti, ecco subito saltare fuori quel bianco particolarmente minerale, o quel lagrein che tutti giudicano compiuto. Ed è un peccato che la schiava, quando fatta bene, è un gran vitigno. E’ vino vivo, che trova compiutezza più sulle tavole della cucina che sui banchi di degustazione, che regala piccoli grandi vini (ricordate i vinini?).

Baron di Pauli, società parallela alla Kellerei Kaltern, la storica cantina sociale di Caldaro, ne regala un’espressione particolarmente compiuta, al tempo stesso sottile e fragrante, dal corpo affatto scontato. C’è questa bella sensazione scura, al naso, a ricordare la mora, che si integra in un sottofondo particolarmente fruttato. Ma delicato. A poi una bella beva, che un bicchiere tira facilmente il successivo ma che non perde mai succo, prima di un finale piacevolmente pulito.
E’ una di quelle buone, molto.

[s4]

Scrivi un commento

Commento

  1. Girando ho visto più vini e più vitigni ”schiava” gentile,grossa e grigia.Ci sono differenze sostanziali o sono simili????scusa l’ignoranza…

  2. Il famoso trollinger non è nient’altro che la schiava (trollinger x riesling = kerner.),interessante.Se siamo a coltivarla con la pergola e gli interessi sono scarsi purtroppo non si va da nessuna parte.Non ne ho mai bevuto di schiava ma uno spumante secondo te potrebbe essere fattibile con la schiava??? Un rosè senza il solito pinot.