E con questa la smetto, promesso

Considero ancora più gravi altri problemi dei quali non si parla quasi mai. Problemi causati dai trattamenti chimici che il sughero subisce durante la lavorazione e che disturbano l’affinamento del vino. I tappi, a seconda che provengano da questo o da quel sugherificio, danno tipi di vino diversi: più o meno chiusi, più o meno metallici. In questo modo tutto il lavoro che noi facciamo in cantina viene perso. [...] Alla fine, il classico sapore di tappo è l’ultimo dei difetti.

Il tappo a vite costa meno di quello di sughero, ma le macchine per applicarlo costano molto.

Oggi i tappi a vite hanno raggiunto livelli di assoluta eccellenza tecnica.

Silvio Jermann, intervistato da Il Mio Vino, Agosto 2006

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Parlo da solo | Tag: , , , | Commenta

6 Commenti

  1. Pubblicato 17 settembre 2010 alle 12:33 | Link

    Jermann ha ragione.

    Anche volendo usare solo sughero di prima qualità (vedi la mia ricetta…) non ce ne sarebbe abbastanza in giro per tutti. E alla fine verrebbe una sovra-popolazione di linci :-)

    Viva lo Stelvin!

  2. Pubblicato 17 settembre 2010 alle 13:09 | Link

    esiste il sughero fiore, ovvero la prima scelta, non trattato!
    solo che invece di costare 10 cent ne costa 20… allora Jermann farebbe bene a dirlo!

  3. Pubblicato 17 settembre 2010 alle 13:13 | Link

    No ma infatti Riccardo credo nessuno abbia da ridere sul sugherò in sé, come tipologia di chiusura. Il focus è su disponibilità, sostenibilità, costi. In questo senso allora cercare e guardare altrove comincia ad avere un perchè.

  4. Pubblicato 17 settembre 2010 alle 13:14 | Link

    Riccardo, la categoria “nature” non implica assenza di trattamento chimico o di rivestimento in paraffina o silicone, vuol dire solo che non è stato colmato…

  5. Pubblicato 18 settembre 2010 alle 00:11 | Link

    @ Mike, Ti sbagli…
    @ Penso che usare altri prodotti per tappare quali silicone, vetro (che costa tantissimo) o altro materiale inquini assai e oltretutto si perde buona parte di poesia

  6. Pubblicato 18 settembre 2010 alle 08:39 | Link

    Ha ha, la poesia del vino che va giù nel lavandino…

    Leggi il mio articolo…

    cari saluti

    Mike

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License