in Buone idee

Al prossimo Baratto Wine Day

Il Baratto Wine Day, per dire, si inserisce in quel contesto fatto di iniziative che partono dal basso, dagli utenti, dalle persone. Che, in questo caso, si divertono a condividere e scambiare tra di loro qualcosa che amano e che li appassiona. Bottiglie di vino.

Non sono mai stato bravo nello spiegare a chi non lo vive ogni giorno cosa significhi stare dentro a quello che succede nella rete, vedere l’enorme fermento di idee che nascono e che si evolvono in piccole comunità fatte da appassionati. I più probabilmente ne ignorano l’esistenza (e sono gli stessi che probabilmente non leggeranno mai questo e tutti gli altri blog che scrivono di vino) eppure il mercato sta cambiando rapidamente. Le nicchie sono sempre più importanti. Le informazioni corrono veloci e spesso è la passione che spinge le singole persone a promuovere ciò che loro amano. E’ tutto qui. In queste nicchie, in questi piccoli posti della rete i migliori testimonial di un prodotto sono i consumatori stessi, quelli più convinti. Della qualità e del prezzo, tra le altre cose. The Marketing Mix is dead, long live the Customer.

Il Baratto Wine day è un tavolo sul quale si appoggiano le proprie bottiglie. Si guardano le altre e per una che si è portata se ne prende un’altra. Magari si mercanteggia un po’, fa parte del gioco. Ma il ragionamento è tanto semplice quanto rivoluzionario. Per ogni bottiglia di vino che hai portato ne hai diritto ad un’altra. Il prezzo non conta. Chi per esempio pensa possa essere un’ottima occasione di liberarsi dei fondi della propria cantina non ne ha proprio afferrato lo spirito. Ci sono altri valori in gioco.
Io, al prossimo appuntamento che si terrà sabato durante il Vinix Live! organizzato da Pojer&Sandri presso la propria cantina di Faedo (Tn), ho deciso di portare il mio territorio. Non ero sicuro però. Pensavo ad alcune ottime espressioni di sangiovese in purezza, provenienti dalle regioni più disparate (Toscana certo, ma anche Umbria e Corsica), poi mi è venuto in mente un post che avevo scritto su Intravino a proposito di quella parte bianca dell’Umbria capace di regalare bottiglie di grandissimo spessore a prezzi più che accettabili. Ecco, ho quindi dato una veloce occhiata alla cantina ed ho preparato un cartone di vini bianchi capaci di raccontare una regione poco conosciuta, almeno da questo punto di vista.

Ed ora sono curioso di sapere cosa porterò a casa.

Scrivi un commento

Commento

  1. Ci saro’ anch’io…non mi voglio di certo perdere le vostre proposte; vedro’ io pure di portare bottiglie all’altezza…
    A sabato
    alberto

Webmention

  • Soave Classico Superiore DOCG I Stefanini, Monte di Fice 2008 | enoiche illusioni 18 agosto 2010

    […] conoscevo I Stefanini, mi ci sono imbattuto grazie a quella bella idea che è il Baratto Wine Day, se non ricordo male a fronte di una bottiglia di Trebbiano Spoletino di Tabarrini. Ecco quindi il […]