in Assaggi, Italia, Piemonte

Barbaresco DOCG – Cascina delle Rose, Rio Sordo 2006

Nebbiolo | 20-25 €

La capacità, tra le altre cose, di coniugare finezza ed eleganza. Ecco il Barbaresco Rio Sordo di Cascina delle Rose. Tutte quelle caratteristiche normalmente riconducibili alle potenze ed alle profondità sono altrove. Qui c’è sapienza, e profondità, ma gentile. Quella forza che non ti sbatte contro ma che ti porta e ti conquista progressivamente.

I toni sono delicati, almeno inizialmente. Finissimo, il naso regala note floreali e leggermente balsamiche. Anche speziate, ma c’è solo quell’accenno a donare austerità. Per il frutto la stessa cosa, la ciliegia, per quel qualche cosa di rotondità.
In bocca è Barbaresco deciso, teso, vivo. La capacità di coniugare al meglio le varie componenti (che bella freschezza) ed accompagnare l’assaggio ad un finale di grande pulizia.

Buonissimo.

[s5]

Scrivi un commento

Commento

  1. ho assaggiato questo vino tempo fa in un bel ristorante di torino che si chiama scannabue e anche io l’ho trovato davvero buonissimo. mi ritrovo perfettamente in quello che hai scritto.
    m

Webmention

  • Dieci vini per il duemiladieci. E dieci canzoni. | enoiche illusioni 3 giugno 2010

    […] Barbaresco Rio Sordo, Cascina delle Rose. Tutta l’accoglienza delle Langhe in una bottiglia di vino. Sintesi […]