Vino Nobile di Montepulciano DOCG – Poderi Sanguineto 2006

Prugnolo gentile, Mammolo, Canaiolo nero |

Quindi scrivevo di quanto sia importante, a Sanguineto, questo particolare terroir. E di come dopo si ritrovi nella fine eleganza di questo particolare Vino Nobile di Montepulciano.

Il primo indizio, per dire, viene a guardare quel colore, rosso rubino scuro, ma di trasparenze. E poi è pulito, vivo.
Il secondo non è immediato, che a mettere il naso nel bicchiere all’inizio sembrerebbe timido, almeno in termini di riconoscimenti. Ci metti un po’ infatti a stupirti e pensare a quella finezza cui accennavo prima. Comincia con quei sentori tipici della Toscana, in particolare penso alla florealità, ed alle sensazioni rosse. Dopo, in un crescendo olfattivo straordinario, ecco tutto il territorio, fatto di sensazioni più profonde, minerali, pungenti, puntuali.
In bocca sembra quasi sfuggire, per poi tornare prepotentemente nella sua compiuta giovinezza. E’ teso, giustamente sapido, particolarmente pulito, con quella nota alcolica che si integra alla perfezione ed anzi accompagna l’assaggio ad un finale più delicato. Ed a quel punto il terzo indizio si è trasformato in prova, definitiva.

By Jacopo Cossater This entry was posted in Assaggi, Italia, Toscana | and tagged , | Scrivi un commento

3 Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*

Subscribe without commenting

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • RSS

  • Creative Commons

    Creative Commons License