in Assaggi, Piemonte

Barbera d’Alba DOC Rinaldi 2007

Barbera | 10-15 €

Facciamo che evito di scrivere di quanto sia importante Giuseppe Rinaldi per il territorio e per il Barolo, di quanto sia uno dei riferimenti assoluti per un approccio che definire tradizionalista è assolutamente riduttivo e tutto il resto? Dai, facciamo così, e passiamo subito a scrivere della sua Barbera, e di quanto sia anche dalle piccole (anche se qui di piccolo c’è davvero poco) bottiglie che si può vedere la statura della cantina e di colui che le ha pensate e vinificate.
Perchè la Barbera di Rinaldi coniuga tutto quello che si può cercare, non solo in una Barbera, e penso a bevibilità, ma anche profumi, eleganza e polpa.
La frutta è rossa, matura, calda, avvolgente. E poi la profondità di spezie più scure che sposano una nota più verde, viva.
E in bocca, ah in bocca, coniuga il succo, il sapore delle tipicità con una complessità fatta di larghezze, che abbracciano il palato riempiendolo di felicità. Abbastanza potente quindi senza essere muscoloso, ma anche finissimo, fresco, quasi piccante. E con una nota sapida che attraversa tutto l’assaggio a renderlo vibrante. E buonissimo.

[s5]

Scrivi un commento

Commento

  1. Se la barbera è coltivata e vinificata bene non è affatto “ruvida e aspra”, certo è un’uva dall’acidità importante ma basta trattarla come merita per ottenere vini di pregio assoluto, e senza scomodare le bottiglie di Braida…

Webmention

  • Dieci vini per il duemiladieci. E dieci canzoni. | enoiche illusioni 2 aprile 2010

    […] Barbera d’Alba, Giuseppe Rinaldi. Evabbè, facile direte. In effetti è buonissima. E poi è vitigno che mi ha […]

  • Langhe Freisa DOC Rinaldi 2008 | enoiche illusioni 2 aprile 2010

    […] nostro vinifica con una maestria che appartiene a pochi. E mi riferisco agli straordinari Dolcetto, Barbera e, appunto, Freisa. Vini paradigmatici per la propria tipologia, capaci di coniugare come forse […]