Una degustazione sulle chiusure, sughero contro vite

Va bene che allora il tappo a vite è bello, pratico, cool.

Però mi piacerebbe anche provare a capire quali siano realmente pregi ed eventuali difetti di questa particolare chiusura. Perchè fino ad ora (io almeno) ho scritto solo di quanto mi piacciano senza però parlare della cosa più importante: la conservazione del vino.

Da qui l’idea.

Conoscete produttori che utilizzano diversi tappi -l’ideale sarebbe certamente sughero e tappo a vite- per lo stesso vino?
Uno, ne scrivevo qui recentemente, è Pieropan, che per il mercato inglese declassa il suo Classico per poter utilizzare questa particolare chiusura.

Ecco, sarebbe bello riunire dieci bottiglie di cinque produttori, di diverse tipologie e riparlarne qui, magari tra un anno.

By Jacopo Cossater This entry was posted in Parlo da solo | and tagged , , | Scrivi un commento

8 Commenti

  1. Pubblicato il 4 febbraio 2010 alle 21:36 | Permalink

    Ciao Jacopo, per esperienza personale ti dico che qualche giorno fa ho bevuto un Sauvignon con tappo a vite della tenuta che gli Antinori hanno in Nuova Zelanda, anno 2006, e devo dire che la teuta era ottimale, mentre sul vino personalmente avrei qualcosa da dire.
    Passando ad altro, per bere un paio di bottiglie insieme l’invito deve essere pubblico??
    ahaha
    Natale

  2. dolomitewine
    Pubblicato il 5 febbraio 2010 alle 09:04 | Permalink

    Da provare i vini dei fratelli Cesconi di Lavis (Tn). Imbottigliano tutti i vini, bianchi e rossi, (tranne il Merlot Pivier) nelle due versioni: vite o sughero.
    Anche Franz Haas (Montagna, Bz) imbottiglia tutta la gamma nelle due versioni, ma non so se venda gli imbottigliamenti con tappo a vite sul suolo italico.

  3. Pubblicato il 5 febbraio 2010 alle 11:25 | Permalink

    Grazie mille. Commentando il post su Twitter era venuta fuori anche Le Fraghe dal Lago di Garda.

    Quindi ecco un brevissima ed assolutamente incompleta lista:

    - Le Fraghe
    - Pieropan
    - Franz Haas
    - Cesconi

  4. mugellesi ivano
    Pubblicato il 5 febbraio 2010 alle 12:13 | Permalink

    Sono stato da Franz Hass la settimana scorsa,ho chiesto del Manna,il venditore mi ha detto: mi dispiace abbiamo solo la versione con il tappo a vite! L’ ho comprato ugualmente ma ho capito che il problema è solo italico.Ciao

  5. NC
    Pubblicato il 5 febbraio 2010 alle 12:22 | Permalink

    Ho appena bevuto un Franz Haas in una pizzeria della provincia di lecco : solo tappo a vite !

  6. Pubblicato il 5 febbraio 2010 alle 12:38 | Permalink

    Viva Franz Haas! ;)

  7. Massimo Menini
    Pubblicato il 19 aprile 2010 alle 17:33 | Permalink

    Un saluto a tutti i lettori,ho il piacere di lavorare come agente per l’azienda Alcan Stelvin.
    Vi segnalo alcune aziende che usano questo tipo di chiusura:
    - Masi
    - Fattori
    - Cantina di castelnuovo
    - Pieropan
    - Tenuta Sant’antonio
    - Tamellini
    - Armani
    - Dal Maso
    - Maculan
    E molti altri,il tappo a vite non è sinonimo di risparmio.
    Ma è sinonimo di garanzia per gli sforzi e l’impegno che un enologo applica per produrre un buon vino.E vanificare tutto per colpa di un sughero di scarsa qualità ( non denigro un buon tappo in sughero).

  8. Pubblicato il 19 aprile 2010 alle 17:35 | Permalink

    Grazie Massimo,
    Bello che tu abbia specificato che lo Stelvin non un sinonimo di risparmio, è aspetto molto interessante.

Un Trackback

  • Di Screwcap is the new loud | enoiche illusioni il 13 settembre 2010 alle 13:06

    [...] capita qui con una certa frequenza forse ricorda la mia passione per i tappi a vite. Li trovo tremendamente belli, straordinariamente funzionali e, [...]

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Subscribe without commenting

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • Tag Cloud

  • RSS

  • Creative Commons

    Creative Commons License