in Assaggi, Italia, Toscana

Toscana IGT – Podere le Boncie, “5″ 2007

Sangiovese, Mammolo, Colorino

E ci sono anche quei vini che a ripensarli ti ricordano una carezza. Il blend di Giovanna Morganti, in particolare, è avvolgente e piacevolissimo.
Lo guardi, ed è di quel colore rubino un po’ scuro, che però a ruotare il bicchiere tende al violaceo. Che ti sembra vivo.
E poi ha questa riconoscibilità, questi aromi amici molto delicati, ma netti, precisi, giusti. Coniuga corpo e scorrevolezza, ed è sostenuto da quella spalla acida che vorresti sempre. E’ succoso, riempie il palato, e dopo, sul finale, schiocca.
Una bevuta adorabile.

[s4]

Lascia una Risposta per luca miraglia Cancella Risposta

Scrivi un commento

Commento

  1. Giovanna stupisce sempre, e con la sua caparbietà è riuscita, progressivamente, a rendere il suo Chianti ormai paradigmatico, vero punto di riferimento per la tipologia; sono certo che la valorizzazione di questi vitigni “della memoria” offrirà alla nuova creatura di Giovanna uno spazio di sicuro interesse nel panorama enologico toscano.

Webmention

  • Castelnuovo Berardenga, Podere Le Boncie e Giovanna Morganti | enoiche illusioni 9 febbraio 2010

    […] Di quà, tempo addietro, avevo scritto di una delle migliori bottiglie per rapporto tra spesa e felicità del circondario. Il suo 5. […]

  • Dieci vini per il duemiladieci. E dieci canzoni. | enoiche illusioni 9 febbraio 2010

    […] 5, Podere le Boncie. Tutta l’espressività di Giovanna Morganti e di Castelnuovo Berardenga in […]

  • Vins de soif | Elogio dei vini gastronomici | Intravino 9 febbraio 2010

    […] Pochi euro in più e il discorso potrebbe ricominciare, con poche varianti, per “5” di Podere Le Boncie, come a dire “sangiovese, mammolo e colorino, nel Chianti, […]