Toscana IGT – Podere le Boncie, “5″ 2007

Sangiovese, Mammolo, Colorino

E ci sono anche quei vini che a ripensarli ti ricordano una carezza. Il blend di Giovanna Morganti, in particolare, è avvolgente e piacevolissimo.
Lo guardi, ed è di quel colore rubino un po’ scuro, che però a ruotare il bicchiere tende al violaceo. Che ti sembra vivo.
E poi ha questa riconoscibilità, questi aromi amici molto delicati, ma netti, precisi, giusti. Coniuga corpo e scorrevolezza, ed è sostenuto da quella spalla acida che vorresti sempre. E’ succoso, riempie il palato, e dopo, sul finale, schiocca.
Una bevuta adorabile.

By Jacopo Cossater This entry was posted in Assaggi, Italia, Toscana | and tagged | Scrivi un commento

3 Commenti

  1. Pubblicato il 6 febbraio 2010 alle 08:09 | Permalink

    Così al volo più che berlo mi viene da abbracciarlo!

  2. francesco
    Pubblicato il 6 febbraio 2010 alle 11:57 | Permalink

    ohhhh che bello qualcuno usa ancora colorino, mammolo e uve minori.

  3. luca miraglia
    Pubblicato il 9 febbraio 2010 alle 13:25 | Permalink

    Giovanna stupisce sempre, e con la sua caparbietà è riuscita, progressivamente, a rendere il suo Chianti ormai paradigmatico, vero punto di riferimento per la tipologia; sono certo che la valorizzazione di questi vitigni “della memoria” offrirà alla nuova creatura di Giovanna uno spazio di sicuro interesse nel panorama enologico toscano.

3 Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*

Subscribe without commenting

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • RSS

  • Creative Commons

    Creative Commons License