in Collegamenti

Una giornata di collegamenti: il tappo a vite (o screwcap)

. Amo il tappo a vite. Ma lo sapevate già. Grande sorpresa nello scoprire su Internet Gourmet che Pieropan, forse il più importante produttore di Soave, ha deciso di declassare il suo Classico pur di utilizzare lo screwcap. Ma solo in Inghilterra.

. Il tappo a vite è uno dei vincitori indiscussi della decade appena lasciate alle spalle. Lo dice il Daily Telegraph.

. Non si tratta di un tipo di chiusura, ma che bello il design di molte di queste bottiglie!

. Anche negli Stati Uniti, però, un vino con lo screwcap rimane nell’immaginario collettivo come economico. E’ sarà così ancora per molto tempo. Lo dice Terry Hall, responsabile della comunicazione per l’associazione che riunisce i produttori di Napa.

Scrivi un commento

Commento

  1. condivido con te la passione per il tappo a vite, nata con l’apertura di uno Chardonnay Cloudy Bay. Si parla, si parla, si parla, ma basta provare una volta ad aprire con un semplice gesto una buona bottiglia e si capisce subito la ragione da che parte sta.

  2. E’ difficile non identificare un vino con lo screwpull come cheap wine, comunque in Australia e Nuova Zelanda sempre più aziende utilizzano questo tappo: inizialmente per i bianchi poi adesso anche per i rossi di medio invecchiamento

  3. Mah, alla fine non sono certo un talebano, e di sicuro non penso ad tappo a vite come un *sostituto*.

    Possono convivere, però. Magari a scapito dell’insopportabile tappo di silicone sintetico.

  4. Grazie Davide, ero convinto il silicone rientrasse tra i materiale utilizzati. Invece, dal sito di un produttore di tappi:

    “Negli ultimi tempi c’è stato un grosso fermento riguardo ai tappi in “sughero sintetico e, purtroppo, la velocità con cui si è sviluppata la cosa non ha lasciato il tempo agli utilizzatori di ricevere notizie adeguate sul prodotto, tanto è vero che il nome più diffuso di questo nuovo tappo è “tappo di silicone”. In realtà il silicone non rientra affatto nei materiali utilizzati per produrre il tappo sintetico.”

  5. ciao, io se posso tappo sughero. però ho bevuto un interessante new zeland tappo vite del 2004: niente male. daltro canto che dire di qualche prosecco tappo corona? superbi 🙂
    però sul tappo sintetico no. chissà con cosa è fatto… saluti

  6. Ciao Carolina e grazie per l’intervento! Come non essere completamente d’accordo.

    Tra i più famosi utilizzatori del tappo a corona c’è Camillo Donati, le sue rifermentazioni in bottiglia ormai sono leggenda.. 🙂 Molti utilizzatori del tappo a corona, invece, si trovano in alto Adige. Su tutti Kuen Hof, grandissimi produttori di vini bianchi.

Webmention

  • Una degustazione sulle chiusure, sughero contro vite | Enoiche Illusioni 12 gennaio 2010

    […] diversi tappi -l’ideale sarebbe certamente sughero e tappo a vite- per lo stesso vino? Uno, ne scrivevo qui recentemente, è Pieropan, che per il mercato inglese declassa il suo Classico per poter utilizzare questa […]