Umbria IGT – Cantina La Spina, Polimante della Spina 2006

Umbria IGT - La Spina, Polimante della Spina 2006Uvaggio: Merlot ed altre | Prezzo: 15-20 €

Con il Polimante si va idealmente a chiudere il cerchio di una delle (piccole) realtà più interessanti della regione. La cantina è La Spina, il protagonista Moreno Peccia, uno che la mattina lo puoi incontrare in ufficio, a fare tutt’altro, ed il pomeriggio ed i fine settimana in vigna e cantina, per capirci.
Prima di questo blend a base di merlot avevo scritto dell’unica vinificazione in bianco, trebbiano e grechetto alla maniera dell’Orvieto, l’Eburneo, e degli altri rossi. Il merlot in purezza, il Merlato, grande piccolo vino da tavola, nella più nobile delle sue accezioni ed il Rosso Spina, vino giusto, scattante, contemporaneo, buonissimo.

Il Polimante, che tra tutti si pone forse come il più importante, sicuramente quello in cui la grande struttura gioca un ruolo di primo piano, è assaggio corale, in continuo crescendo.
Nonostante il colore fitto, al naso appare inizialmente timido, nei suoi piccoli frutti rossi. Emerge poi in complessità, svelando il calore del terziario, delle spezie e della liquirizia in particolare.
In bocca manifesta subito il suo essere puntuale, e mi riferisco agli aromi fruttati, al suo essere corrispondente. Pochi momenti ed ecco arrivare eleganza e potenza grazie ad una trama tannica certamente invidiabile che tiene in piedi un assaggio dalla stoffa formidabile. Riempie il palato e rimane scorrevole, per poi lasciare un ricordo di mirevole lunghezza. Da avere. Da tenere. Da avere e da tenere.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Assaggi, Umbria | Tag: , , | Commenta

13 Commenti

  1. francesco
    Pubblicato 6 ottobre 2009 alle 19:05 | Link

    Eccolo un vero esempio di zona non conosciuta dove escono fuori dei vini con la V maiuscola, il miglior merlot tagliato con gamay perugino e tra parentesi ha un prezzo non cosi esagerato.provato più volte con piatti strutturati era un bijoux. ottimo consiglio

  2. Massimiliano
    Pubblicato 6 ottobre 2009 alle 21:45 | Link

    Un vino capace di reggere pure un modesto invecchiamento, pochi mesi or sono ho provato, devo dire con immensa meraviglia e non privo di pregiudizi, il 2003 e ha dimostrato di avere una complessità ed un equilibrio invidiabile da parte di altri Merlot più famosi e blasonati, ora stò aspettando che si “rinfreschi” l’aria per poter provare il 2004, non vedo l’ora di poter dire a Moreno cosa ne penso.

  3. Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 13:38 | Link

    Francesco, hai ragione, come lavora il Merlot Moreno lo fanno in pochi in regione. :)

    Massimiliano, che bello, anche a me piacerebbe assaggiare qualche annata non recentissima, devono essere belle sorprese..

  4. francesco
    Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 18:14 | Link

    Che bello trovato 2 polimante del 2004,farò come massimiliano, aspettiamo il fresco.P.s stasera provo l’eburneo vediamo cosa mi dice anche perchè pure a casa ho provato a fare del vino grechetto,malvasia e trebbiano (toscano) e non spoletino.Bè prima del mio pseudo vino mi do ad un bel eburneo.

  5. francesco
    Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 22:00 | Link

    ahhhhh alla faccia del vinello da poco più di 6 euro l’eburneo è un vino sapido,minerale accenni floreali e con molte sfaccettature da cogliere altro che vinello comunque il trebbiano la spunta leggermente sul grechetto se proprio devo trovare un difetto.

  6. Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 22:23 | Link

    Altro che vinello, hai gran ragione Francesco. E’ vino che è assolutamente cresciuto negli anni ed oggi ha un rapporto qualità/prezzo straordinario.

    P.s. Forse che la leggera acidità del Trebbiano tende a smorzarsi dopo qualche mese in bottiglia? Che anno hai assaggiato?

  7. francesco
    Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:03 | Link

    Ho bevuto il 2008, bè l’ho bevuto come aperitivo e quindi non può essere paragonato ad un abbinamento però presenta buona acidità che lo rende(non vorrei dire uno sfondone) adatto anche a reggere qualche anno.

  8. Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:09 | Link

    Ho bevuto recentemente un 2006 ed emergevano leggere sensazioni ossidate e pagava -parecchio- in freschezza, ma aveva un suo perchè. Oggi, credo, un 2007 dovrebbe essere puntuale..

    Francesco, ma vivi a Perugia?

  9. francesco
    Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:15 | Link

    si vivo a pg sono uno studente laziale in agraria e sono appassionato di vino.

  10. Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:18 | Link

    Propongo una bottiglia, dal vero. Posso scriverti all’indirizzo email che lasci in fase di commento?

  11. francesco
    Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:23 | Link

    ehmmmm ci sto …. sempre se sto qui su che sai tra viaggi a casa, tra viaggetti nelle marche dalla ragazza non sto mai fermo però si può fare comunque scrivi li sulla mail tranquillo.Quando sono qui a pg risp sicuramente.

  12. Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:50 | Link

    Ti ho mandato il programma di una degustazione che si terrà a breve qui in zona. Roba di Barolo. Magari ti può interessare.

  13. francesco
    Pubblicato 7 ottobre 2009 alle 23:57 | Link

    Si grazie ho visto.. vediamo che posso fa altrimenti vino dei castelli.ihihih

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è interamente affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter

  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License