Bianco di Torgiano DOC – Lungarotti, Torre di Giano 2007

Torre di GianoUvaggio: Trebbiano, Grechetto | Prezzo: <10 €

Comunque va detto che il Torre di Giano basta aspettarlo un po’ e, se possibile, si rivela ancora più buono. Con quello che costa poi.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Assaggi, Umbria | Tag: , | Commenta

11 Commenti

  1. Pubblicato 10 settembre 2009 alle 20:29 | Link

    mai considerato, ma mi ricredo … provero’ :)

  2. Pubblicato 10 settembre 2009 alle 21:59 | Link

    Si Mauro, ne vale la pena. E’ bevuta semplice, ma che riesce ad essere, sempre, estremamente dritta e giusta. Costa poco e racconta bene il matrimonio del Trebbiano con il Grechetto, uvaggio spesso vinificato in modo piuttosto confuso, qui in Umbria. ;)

  3. Pubblicato 17 settembre 2009 alle 08:39 | Link

    Interessante, mi e’ arrivato qualche tempo addietro, etichetta e bottiglia diversi, pero’ e’ la 2006..L’ho preso per curiosita’, adesso lo assaggero’ di sicuro. Ciao

  4. Pubblicato 17 settembre 2009 alle 10:38 | Link

    Ciao Massimo, un 2006 oggi pagherà sicuramente in termini di nervosismo complessivo. Ma chissà! Mi farai sapere cosa ne pensi?

    P.s. In effetti l’etichetta è cambiata -credo- a partire dal 2007. Tu dovresti avere questa: http://www.enoicheillusioni.com/2007/04/bianco-di-torgiano-doc-lungarotti-torre-di-giano-2005/

  5. Pubblicato 17 settembre 2009 alle 20:09 | Link

    Ti faro’ sapere sicuramente. Ciao

  6. Pubblicato 28 settembre 2009 alle 23:07 | Link

    Sbagliai clamorosamente, e’ il ” Vigna il Pino ” quello che dissi. Sbagliai bottiglia ed etichetta perche’ non fu lo stesso vino !!!!!! Sorry.

  7. Pubblicato 29 settembre 2009 alle 11:26 | Link

    Il Vigna il Pino ha una longevità sicuramente maggiore rispetto il Torre di Giano base (che brutto termine). L’hai aperto? Come ti sembrava? L’ho riassaggiato anche io la settimana scorsa ed è bevuta faticosa, preferisco di gran lunga il fratellino minore, più scattante, vibrante pur essendo bottiglia industriale, visti i numeri.

  8. Pubblicato 29 settembre 2009 alle 14:28 | Link

    Direi che piu’ che faticosa e’ come se io prendessi la bicicletta e facessi lo Stelvio, tieni presente che sono 95 kg.. Deludente, per non dire peggio. La vena olfattiva denota gia’ un piccolo principio di decadenza. L’evoluzione fa pensare al peggio. In bocca non saprei dire. Di sicuro sembrerebbe un vino che passa per tanto tempo in barriques, ma googolando ho visto che non e’ cosi’. Dispiace sempre quando non trovi quello che ti aspetti..E quando redi ad un prodotto/azienda e non lo vendi.Comnque c’e’ sempre una Valpolicella di Zenato a consolarmi :-)

  9. Pubblicato 29 settembre 2009 alle 15:01 | Link

    Già, assaggio faticoso, per palati forti. Un grande mah.
    Preciso solo scrivendo che in effetti un po’ di legno lo fa: il 70% fermenta in acciaio, il restante 30% in barrique.

    Viva i vini rock’n'roll.

  10. fabio
    Pubblicato 30 gennaio 2010 alle 14:50 | Link

    rubesco base 77 e torre di giano 79 saranno ancora bevibili,ce l’ho per ora in asta ebay.
    grazie.

  11. Pubblicato 30 gennaio 2010 alle 23:26 | Link

    Uh, Fabio. Non credo, non credo proprio. Belli per l’arredo, però. ;)

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è interamente affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter

  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License