Sagrantino di Montefalco DOCG – Antonelli 1998

Sagrantino AntonelliUvaggio: Sagrantino 100% | Prezzo 20-30 €

Che il Sagrantino sia denominazione che regala le emozioni più belle sulla lunga distanza è cosa nota, ma non ti aspettavi tale -e lo dico non senza un certo timore- perfezione stilistica. La declinazione antonelliana 1998 (che per inciso è grandissima annata per tutto il territorio di Montefalco) è prima di tutto un grandissimo e splendente assaggio.

Rosso granato, appena più chiaro ed aranciato sui bordi, stupisce per l’iniziale delicatezza degli aromi, che poi, piano piano, diventano più profondi: more, pepe nero, tabacco, sensazioni di appassimento e di tostatura, note balsamiche, in generale i sentori terziari perfettamente integrati al frutto. Sottile e di grande personalità. La complessità rimane anche all’assaggio, che ti stupisce per un tannino perfettamente integrato al tutto ed una nota appena sapida che dona freschezza. Ma è bevuta di corpo importante, che gioca sui toni dell’eleganza le sue carte migliori. Così, senza esperienza storica, pensi sia bottiglia aperta in uno dei suoi momenti di massimo splendore.

Poi, affascinato dalla persistenza chilometrica, ricordi la denominazione, il produttore, l’annata e pensi sia il Sagrantino più affascinante tu abbia mai avuto modo di assaggiare.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Assaggi, Italia, Umbria | Tag: , | Commenta

5 Commenti

  1. Pubblicato 25 giugno 2009 alle 12:22 | Link

    Gran bel post :-)

  2. Pubblicato 25 giugno 2009 alle 12:50 | Link

    Grazie Fabrizio! Gran bel vino soprattutto. ;)

  3. Pubblicato 25 giugno 2009 alle 16:03 | Link

    Complimenti Jacopo davvero un bel post. Viene subito voglia di segnarsi il nome e di berlo quanto prima.

  4. Pubblicato 25 giugno 2009 alle 16:16 | Link

    Vero? Peccato sia difficile praticamente impossibile da trovare. :(

  5. Pubblicato 29 giugno 2009 alle 23:30 | Link

    Complimenti a te per il post ed al produttore per il vino!!!!:)

2 Trackbacks

  1. Scritto da L’assaggio dell’anno? | Enoiche Illusioni il 27 dicembre 2009 alle 23:03

    [...] confronti delle sue caratteristiche e di quelle del territorio da cui proviene che ho avuto con il Sagrantino 1998 di Filippo Antonelli non ha eguali. Mi sembra davvero [...]

  2. [...] essere inizialmente scorbutico diventi eleganza e leggiadria. Da queste pagine sono già passati il 1998 di Antonelli (un’annata magica per tutto il territorio) ed il 1997 di Bea. Ecco, non era possibile pensare [...]

Commenta

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sottoscrivi senza commentare



  • La gestione della pubblicità su questo blog è affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License