in Assaggi, Italia, Umbria

Rosso di Montefalco DOC – Fontecolle, Sololoro 2005

Sololoro

Uvaggio: Sangiovese 70%, Sagrantino 10%, Merlot e Cabernet Sauvignon 20%

Certo che imbattersi per caso in una bevuta capace di stupirti non è cosa di tutti i giorni. Specialmente nel caso di denominazioni che hai avuto modo di battere in lungo ed il largo. Eppure, il Rosso di Fontecolle rimarrà a lungo nella tua memoria per la straordinaria finezza degli aromi e per una trama tannica incantevole. E poi hanno saputo aspettarlo: ventidue mesi complessivi di affinamento più un altro anno in bottiglia, mica da tutti.

Le bottiglie son poche, poco più di seimila, e non è facile da trovare. Eventualmente passando direttamente in zona..

[s4]

Scrivi un commento

Commento

  1. Ho avuto modo di bere questo vino e devo dire che è veramente stupefacente. Pur essendo umbro non sono solito commentare con entusiasmo i vini della mia regione e men che meno i montefalchesi. I profumi sono veramente degni di un gran vino ed in bocca è molto piacevole. Vorrei sottolineare anche la gentilezza e la disponibilità dei proprietari della cantina cosa che non va mai data per scontata.

Webmention

  • Sagrantino di Montefalco DOCG – Fontecolle, Ducciochi 2005 | Enoiche Illusioni 13 aprile 2009

    […] Illusioni [beta, chiaramente] Vai al contenuto La carta dei viniChi « Rosso di Montefalco DOC – Fontecolle, Sololoro 2005 Villa Boschi apre ai bloggers » 25 marzo […]