in Assaggi, Italia, Umbria

Umbria IGT – Collecapretta, Terra dei Preti 2007

CollecaprettaUvaggio: Trebbiano spoletino

Bello l’incipit, in etichetta: “Vittorio Mattioli, agricoltore e poi vignaiolo in Terzo la Pieve”. La zona è quella vicino a Spoleto, qui in Umbria. Il vitigno è quel Trebbiano che di mese in mese trova nuove declinazioni ed interpretazioni. Bello il colore, che sterza deciso verso l’ambra. Molto bello il naso, con ricordi decisamente agrumati, idee quasi di frutta anche rossa, pesche, spezie gentili e leggere. Poi, in bocca, una leggera nota di acidità tende a coprire le altre sensazioni dure e a lasciare appena indietro un potenziale equilibrio, pur tornando sul finale sulle note olfattive e rimanendo piacevole ricordo.
[s3]

Scrivi un commento

Commento

Webmention

  • Vini nel Mondo, Spoleto | Enoiche illusioni

    […] di Poderi Sanguineto, il Barbaresco dei Produttori del Barbaresco, il Rosso Spina de La Spina, il trebbiano di Collecapretta (l’altro però è più pulito, il Vigna Vecchia), tra i […]

  • Quinto quarto » Collecapretta ovvero produrre vini in Umbria

    […] da solo e che trovo molto particolari. Vado poi a Perugia a fare lo spettacolo e trovo il buon Jacopo Cossater che mi descrive il viticultore, utilizzando un’espressione che ho trovato bellissima: […]