in Italia, Lombardia, Parlo da solo

Dirty Sexy Money – 1×04 – Il Chiavennasca

Dirty

Dirty Sexy Money è innegabilmente una serie piuttosto insipida. I suoi personaggi sono perlopiù antipatici e rappresenta una New York così patinata da fare innervosire. Si salvano Donald Sutherland, magari non al meglio della forma ma sempre grandissimo, e William Baldwin, perfetto nel ruolo di bambolone.

Detto questo, il titolo della quarta puntata della prima stagione è “Il Chiavennasca”. La trama è piuttosto semplice: il protagonista viene in Italia per trovare dei documenti che fanno parte di un complotto (uno dei tanti). Tripp, Donald Sutherland, scopre che non tutti i suoi figli sono suoi (storia degna dei migliori Beautiful). Una delle figlie sorprende il fratello a letto con la migliore amica (di lei, capirai). Tripp, poi, ricorda con piacere il vino rosso che beveva da queste parti. Il Chiavennasca, appunto.

Insoma, tutto questo per dire che Il Chiavennasca non è altro che il Nebbiolo che viene dalla Valtellina.

Altre info qui.

Scrivi un commento

Commento

  1. Anche io ho visto la puntata che citi e francamente mi ha sorpreso (positivamente) la scelta della Valtellina. Sicuramente sarebbe stato più facile citare la Toscana o le Langhe, probabilmente più conosciute dal pubblico americano. Anche se chiavennasca, come giustamente illustri, è il nome locale del vitigno, non è la denominazione corrente del vino (proprio a voler essere puntigliosi)…

  2. Infatti ho la colpa di avere messo poco l’accento sulla scelta di un vino e di un territorio così fuori dai soliti schemi. Sul personaggio di Donald Sutherland mi verrebbe naturale pensare che gli sceneggiatori abbiano cercato una zona fuori dalle mode ma raffinata, con un sapore ‘antico’. Certamente non può che far piacere che la scelta sia ricaduta sulla Valtellina…