in Assaggi, Italia, Trentino-Alto Adige

Alto Adige DOC – Haderburg, Hausmannhof Riserva 1997

Haderburg Hausmannhof Riserva 1997Uvaggio: Chardonnay

La bollicina dell’anno – così sentenzia la guida ai vini d’Italia 2009 del Gambero Rosso – si caratterizza per purezza e complessità. E’ dritta, stilisticamente molto precisa e rimane sempre in piedi, senza se e senza ma. Conquista anche me, pur storicamente non appassionato ai metodi classici provenienti unicamente da uve bianche.
Il colore è giallo dorato, luminosissimo e brillante. Una nota balsamica riempie un naso di enorme complessità e ricchezza capace però di dare continuamente l’idea di saper rimanere leggero, grazie ad una continua pungenza. In bocca è avvolgente, pieno, piacevolissimo. Riesce a rimanere nervoso grazie ad una spiccata acidità ed un perlage che non si esaurisce facilmente. Anzi, rimane lunghissimo.

[s5]

Scrivi un commento

Commento

  1. Uno spumante straordinario, come lo sono anche certi Pinot Nero di questo produttore che conosco personalmente.
    E’ strano, ma ogni tanto anche quelli del Gambero azzeccano un vino…

    😉

Webmention

  • | enoiche illusioni 26 ottobre 2008

    […] cantina di Salorno, a sud di Bolzano, mi sono sempre piaciuti molto, vere sicurezze. L’Hausmannhof è bottiglia importante, sfaccettata, complessa come poche. Tutte le altre, più semplici anche nel […]

  • Alto Adige DOC – Kettmeir, Athesis Brut | enoiche illusioni 26 ottobre 2008

    […] Tra gli altri, da queste parti ci si ricorda ancora con grande emozione uno straordinario Hausmannhof 1997, di quelli che sarebbe davvero bello poterne avere ancora una o due in cantina. Ma tanto è sempre […]