in Assaggi, Emilia-Romagna

VDT – Vittorio Graziano, Tarbianaaz 2007

TarbianaazC’è da dire, da subito, che si tratta di un vino che per me è un grande punto interrogativo. Non conoscevo il produttore. Non so che vitigni siano stati usati (Trebbiano? Malvasia?) nè di che annata possa essere. Semplicemente, un amico ristoratore appassionato di bio (logico o dinamico non importa) me lo ha piazzato davanti. A proposito. Il ristorante è L’Officina, a Perugia, in Borgo XX Giugno. Passateci, sia per la cucina che per la carta dei vini, ne vale la pena.

Vino a me sconosciuto, quindi, dicevo. Il colore, ambrato, è già caratterizzante e riesce a dare un’idea di quello che ci si potrebbe aspettare. Ma il naso è una vera sorpresa. Di una intensità spiazzante, racconta sentori di albicocca, di pesca, di agrumi, floreali e minerali. In bocca un’acidità molto sostenuta tende a coprire le altre sensazioni, soprattutto in apertura, a scapito di un potenziale essere nervoso. Continua rimanendo con una certa quasi astringenza, come se fosse appena tannico, per finire molto lungo e molto pulito.

[s3]

Lascia una Risposta per Mauro Erro Cancella Risposta

Scrivi un commento

Commento

  1. “Tarbianaaz” mi sa che sia una storpiatura “mudnesa” di “trebbianaccio”, ma vado a naso: e con il raffreddore che ho non so se è opportuno.
    mi informo e ti dico.

  2. Se ti capita, saggia il suo Lambrusco. Così le stelline aumenteranno. Ma ‘ste stelline sono proprio necessarie?
    Ciao.

    Ah, a proposito di weinbach, grande produttore, peccato la Velier non lo distribuisca più in Italia…chissà se qualcun’altro ha provveduto….

  3. Grazie Mauro. Informandomi quà e là, in questi due giorni, ho sentito un gran bene del suo lambrusco. Difficilmente reperibile, credo, almeno da queste parti..
    Le stelline? A me piacciono. Le ho sempre prese con molta leggerezza e simpatia. Consapevole che da sole non avrebbero alcun senso. Completano e si completano grazie alla prosa, vero racconto di una bevuta…

  4. Ed io continuo a non riuscire a trovarlo. pare che da queste parti non lo tenga nessuno.
    Sempre a proposito del suo Lambrusco e di altre vini che fanno fermentazione in bottiglia, l’ultimo numero di Porthos dedica ampio spazio all’argomento, con la trascrizione di una lunga chiaccherata tra produttori, tra cui anche Vittorio Graziano. A tratti interessante.
    A presto!

Webmention

  • Emilia Bianco IGT Vittorio Graziano, Tarbianaaz 2009 | enoiche illusioni 11 marzo 2009

    […] settembre 2008 e non conoscevo Vittorio Graziano. Mauro mi consigliava il suo lambrusco ed io, felicemente ignorante ed in balia degli eventi, scrivevo del suo […]