in Assaggi, Italia, Umbria

Umbria IGT – Lamborghini, Torami 2003

ToramiUvaggio: Montepulciano

Destino crudele per questo Torami. Perchè se è nato come Montepulciano in purezza per vedere la luce nel 2003 solamente un anno dopo nella bottiglia troviamo sangiovese, cabernet sauvignon ed un piccolo, quasi miserabile dieci per cento di montepulciano. Ora. Si può cambiare idea così velocemente? Evidentemente si. Ed è un peccato (lo scrivo senza avere ancora avuto modo di assaggiare il più recente) perchè era un buon montepulciano. Definibile probabilmente come la bottiglia meno cotarelliana di Lamborghini. Dal bel colore e da un naso di carattere. Speziato, si. Ma non troppo legnoso. Fruttato e pieno. Con una bella corrispondenza in bocca. Morbido ma non corrotto. Lungo e non invadente.

Ah. Un pensiero veloce. Ma tutto il montepulciano che veniva usato prima (tremila bottiglie dichiarate) adesso che fine farà? Non è che darà un tocco di colore agli altri? No. Lo direbbero. Vero?

[s4]

30/05/2009: Assaggiato ad un anno di distanza appare decisamente convincente. Impenetrabile, pieno, di grande impatto. Il tannino non è ancora pienamente domo, anche se caldo, e generalemente di bell’equilibrio.

Scrivi un commento

Commento