in Assaggi, Italia, Umbria

Sagrantino di Montefalco DOCG – Scacciadiavoli 2004

SCACDVL98RUvaggio: Sagrantino

Il Sagrantino di Scacciadiavoli è probabilmente uno dei più bevibili sul breve periodo. Non che sia maturo, anzi, sto pur sempre parlando di sagrantino. Riesce però ad uscire sul mercato essendo più pronto e facile di molti altri. Facile ma non banale. Certo, Scacciadiavoli fa un importante uso di barrique, non troppo invasivo, però. Il colore è impenetrabile, rosso rubino scuro. Il naso è intenso e se da un lato si ritrovano sentori tipici del vitigno – fiori rossi, prugna, marasca, confettura di ciliegia – dall’altro ecco anche sensazioni date dal legno come la vaniglia, il cacao, in generale una sensazione di tostatura rossa. In bocca è importante, non solenne, ma di grande corpo e struttura. Passatemi la definizione di Sagrantino più dolce rispetto ad altri. Il tannino è presentissimo, ci mancherebbe, ma è leggermente addolcito, appunto. Ha un finale lungo sul balsamico e sulla spezia.

[s4]

Scrivi un commento

Commento

Webmention

  • I Sagrantini del nuovo millennio | Enoiche Illusioni

    […] già scritto di questa annata qui. Non è cambiato molto, se non che l’ho trovato più equilibrato, più bevibile, con un […]