in Assaggi, Friuli-Venezia Giulia

Venezia Giulia IGT – Jermann, Capo Martino in Ruttaris 2004

Venezia Giulia IGT – Jermann, Capo Martino in Ruttaris 2004Uvaggio: Tocai, Pinot bianco, Malvasia Istriana, Picolit

Non aborro i tagli bordolesi. Non penso che i vini biologici od i vini biodinamici siano a priori migliori degli altri. Non credo che uno Champagne sia SEMPRE migliore di un Franciacorta. Non disdegno a priori la barrique. Penso che anche in Australia possano produrre vini interessanti, forse. Non penso che autoctono voglia dire automaticamente più buono.Penso che Jermann sia un grandissimo produttore. Che tutti i suoi vini abbiano una grande anima che ogni volta si fa scoprire in modo differente. Grande colore, luminosità e lucentezza. Naso intenso e complesso, ogni volta diverso. Potrei parlare di frutta esotica come di agrumi, di fiori come di miele, di vaniglia come di burro. In bocca è un’esplosione di sapori che si legano perfettamente. Ah, la persistenza è davvero tanta, tanta, tanta.

[s5]

Scrivi un commento

Commento

  • Articoli Correlati per Tag :