La Palazzola, grandi spumanti italiani

Due righe uscite questo mese su Piacere Magazine, oggi dedicate ad una delle realtà più sorprendenti della regione: La Palazzola di Stefano Grilli.

Magari mi sbaglio, l’impressione è che però non siano in molti a sapere che uno dei più sorprendenti produttori di spumanti italiani si trova a Vascigliano, non lontano da Terni. Quello di Stefano Grilli è infatti uno straordinario talento e i suoi sono metodo classico che ogni anno stupiscono per dettaglio e per eleganza. Vini straordinariamente vibranti che fra le altre cose tradiscono l’insospettabile vocazione di una zona, quella di Stroncone, a regalare bottiglie di grande interesse.

Niente però nasce per caso, e se riuscire a ripercorrere in poche righe il percorso che ha portato all’attuale produzione de La Palazzola è impresa assai ardua, basti comunque sapere che tutto inizia più di vent’anni fa anche grazie al contributo di Riccardo Cotarella, enologo tra i protagonisti del vino italiano per almeno tutto il decennio successivo. Ma non solo, Stefano Grilli è riuscito in questi anni a costruire un bellissimo cantiere a cielo aperto, un luogo dove dare spazio alla sua creatività e alla sua voglia di sperimentare vini sempre nuovi, sempre diversi, sempre squisiti.

Un percorso che lo ha portato a proporre nel tempo spumanti molto diversi tra di loro, la cui sintesi oggi si traduce in una gamma di etichette di impressionante solidità. La Palazzola, sia nella versione Brut che in quella Brut Rosé, è spumante capace volare altissimo, deciso e fine al tempo stesso (ad un prezzo straordinariamente interessante, aggiungerei). Ad affiancarlo un Blanc de Noir, da sole uve di cabernet sauvignon, un Riesling capace di sfidare il tempo come poche altre bollicine italiane e un assemblaggio che si traduce in uno spumante unico: la grande e bellissima Gran Cuvée. Ma non di soli Brut vive Stefano Grilli, il suo Extra Dry è metodo classico il cui residuo zuccherino richiama belle espressioni francesi della tipologia, tridimensionale e trascinante per dimensione gustativa. E questi sono solo gli spumanti, un capitolo a parte lo meriterebbero i bianchi, i rossi, sopratutto i passiti.

Post scriptum: il consiglio è quello di andare a trovarlo direttamente in cantina, ne vale la pena.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Articoli, Umbria | Commenta

Il Concorso nazionale del Pinot nero, un altro post

Un altro cenno solo per segnalare che sempre di là, su Intravino, Peter Dipoli ha scritto una lunga risposta al mio post sul Concorso nazionale del Pinot nero. Un commento che spazia dalla Borgogna come riferimento assoluto per i Pinot nero italiani (e su cui sono fortissimamente in disaccordo) e che arriva alla mancata purezza della stragrande maggioranza delle birre artigianali mondiali (idem). In tutti i casi parole su cui riflettere, sulle quali spero di confrontarmi con lo stesso Peter quanto prima, di persona.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Collegamenti | Commenta

Il Concorso nazionale del Pinot nero, un post

Un cenno solo per segnalare che di là, su Intravino, ho scritto un post cui tenevo molto sulla mia recente partecipazione al Concorso nazionale del Pinot nero e su un po’ di altre cose. In fondo tutto è sempre (molto) soggettivo.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Collegamenti | 2 Commenti

Se c’è un tratto riconoscibile

È possibile parlare di territorio nel bicchiere? E se sì, in che termini?

Una parola – territorio, o terroir (nel suo valore più ampio) – particolarmente abusata, il cui profilo spesso appare sfuocato, assai poco definito in termini di riconoscibilità gustolfattiva. Come se “territoriale” fosse un’accezione che suona particolarmente bene ma che, alla fine, vuol dire un po’ tutto e niente. È per questo che sono particolarmente contento di aver organizzato una degustazione proprio su questo tema, declinata attraverso soli vini bianchi che si terrà esattamente tra dieci giorni a Cerea in occasione del consueto appuntamento con Vini Veri (quest’anno dedicato al grande tema della cosiddetta “etichetta trasparente“).

Otto vini, tra cui due passiti, serviti rigorosamente alla cieca su cui confrontarsi cercando, se ci sono, dei tratti territoriali condivisibili tra i presenti. Il titolo è “Il tratto italico (in bianco), la capacità dei vini naturali di raccontare le diversità del terroir“. Domenica 22 marzo, ore 11.00, Area Expo “La Fabbrica”, Cerea (Verona). Dovrebbe costare 30 euro, sarà possibile iscriversi direttamente all’ingresso della manifestazione.

Ci vediamo lì (spero).

Edit 17/03/2015: sul sito di ViniVeri sono stati pubblicati tutti i dettagli per partecipare alla degustazione.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Vedo gente, faccio cose | Commenta

Un progetto molto bello

“E se mi prendessi un anno di aspettativa dal lavoro attuale con i ragazzi disabili e provassi a girare tutte le regioni d’Italia fermandomi in alcune delle realtà vitivinicole di cui ho fatto conoscenza diretta o indiretta cercando di raccontare a modo mio attraverso immagini e parole la loro esperienza?”

Ho sentito che questa idea era possibile e soprattutto ho sentito che meritava la pena di essere svolta fino in fondo. Ho visto la possibilità di trasmettere una pur contenuta e semplice visione d’insieme di questo approccio umano alla natura. La passione, la generosità e la forza continua dei vignaioli mi hanno contagiato e sento come se avessi contratto un debito con il loro mondo, un debito estinguibile attraverso un racconto sia didattico sia elegiaco che possa portare lontano e diffondere la loro buona energia, il loro responsabile rapporto con il nostro straordinario territorio fatto di piccole e fondamentali diversità, difficoltà e bellezze.

Ciò che sto organizzando, è un lungo viaggio all’insegna della continuità dove regione per regione possa avvicinarmi alle singole realtà contadine e stare a stretto contatto per alcuni giorni con chi vi lavora in modo da raccogliere un materiale quanto più umano e intimo, essenziale alla realizzazione di un documentario che abbia in sé forza e sincerità.

Lui si chiama Davide Vanni e lo potete seguire su Viteinviaggio365, il blog dedicato a questo progetto.

(Immagine: Giovanna Morganti, da Viteinviaggio365)

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Collegamenti | 1 Commento

Cinque stelle, sono tutti vini buonissimi

Montefalco, Perugia. La prima edizione dell’anteprima è andata. Era infatti la primissima volta che il Consorzio dedicava un appuntamento – a ruota dei più famosi toscani – ad un’unica annata. Un’anteprima che certo, qualche difficoltà logistica la comportava di sicuro. Quella del Sagrantino è infatti denominazione piuttosto frammentata, che se da una parte permette ai produttori di vendere i propri vini del 2011 dal 1° gennaio di quest’anno dall’altra li vede uscire in commercio in un periodo temporale davvero ampio, molti infatti non saranno sugli scaffali prima dell’inizio del 2016, e anche di più. Una degustazione quella di oggi segnata da un numero davvero importante di campioni di botte, con tutte le difficoltà che questo comporta (per informazioni citofonare Valpolicella, l’anteprima dell’Amarone porta con sé la stessa problematica).

Volevo però tornare a parlare di stelle e di stelline, quelle valutazioni che vengono espresse proprio dai maggiori consorzi italiani al fine di indicare in sintesi la qualità dell’annata. Tempo fa ne avevo scritto su Intravino, sottolineando quanto ormai siano giudizi perlopiù privi di valore, sempre eccessivamente polarizzati verso l’alto. Giudizi che sulla distanza rischiano di rivelarsi addirittura controproducenti. Per capirci: a Montefalco l’unica (l’unica!) annata che in quindici anni è riuscita nell’impresa di scendere sotto le 4 stelle è quella del 2002. Dal 1997 al 2011 sono state tutte (tutte!) grandi o grandissime vendemmie, fenomeno tutt’altro che unico ed anzi assai simile nelle vicine Montepulciano, Montalcino, etc.

Penso al 2003, millesimo il cui andamento stagionale richiama inevitabilmente il 2011, ed al fatto che quei Sagrantino sono oggi fermi, privi di slancio, cristallizzati in una dimensione tannica ed alcolica senza via d’uscita. Nel 2013 avevo organizzato una degustazione sul tema proprio per vederci più chiaro. Ok, a distanza di 8 anni il panorama produttivo è cambiato molto, chi c’era è cresciuto, nuovi attori sono apparsi sulla scena. Nel 2003 poi c’era un’idea di Sagrantino forse un po’ diversa, ricchezza e potenza avevano un valore che nel tempo è diventato più sfumato. Le cose sono cambiate, ed è proprio per questo che vedere queste 5 stelle, oggi, lascia un po’ perplessi.

Quasi dimenticavo: la trentina di assaggi di questa mattina – cosa tutt’altro che trascurabile – non ha fatto che confermare queste perplessità. Vini buoni, vini meno buoni. Sopratutto un’annata non superiore alla 2010, alla 2006, alla 2004 (per tornare a parlare di stelle).

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Parlo da solo, Umbria | 3 Commenti

Palla al centro

Solo due giorni fa segnalavo lo spot realizzato dalla Budweiser contro il fenomeno delle birre artigianali e andato in onda durante l’ambito intervallo del Super Bowl. Ci è però voluto pochissimo per veder apparire su You Tube una risposta degna di questo nome. L’hanno realizzata quelli di Hopstories, rimettendo così la palla al centro (via Papille Clandestine).

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Birra | 4 Commenti

La Bud ha dichiarato guerra alle birre artigianali

La bellissima pubblicità della Budweiser andata in onda durante il Super Bowl di domenica scorsa. Un attacco frontale ad un fenomeno che non conosce crisi, e che anzi guadagna quote di mercato sempre più rilevanti: quello della birra artigianale (via Stefano Ricci, su Facebook).

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Birra | 6 Commenti

Ma Porthos esce ancora?

La rivista uscirà con il suo ultimo numero, il sito è attivo e prossimo a un rinnovamento importante: non pubblicheremo tre articoli al giorno – ne bastano tre ogni dieci giorni – ma non credo sia mai stato così “presente” come negli ultimi tre anni.

La casa editrice Porthos Edizioni continua a pubblicare libri (nell’ultimo anno: la nuova edizione de “L’invenzione della Gioia” e di “Champagne: il sacrificio di un terroir“, “Manteniamoci giovani – vita e vino di Emidio Pepe“, “Io riesco a vederci il sole“. “Gli ignoranti – Les ignorants” andrà in stampa tra due settimane, la nuova edizione de “Il Matrimonio tra cibo e vino” entro aprile e si lavora su altri volumi).

Il progetto didattico Porthos racconta… va avanti spedito, a Roma e in giro per l’Italia.

Porthos “esce” ancora, è vivo e vegeto.

Così Matteo Gallello, Porthos Edizioni, su Facebook.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Parlo da solo | Commenta

Bobar, un bel nome che non vuol dire niente

La verità è che Bobar non vuol dire assolutamente niente, è semplicemente un nome che ci piaceva e che pensavamo potesse funzionare. Sai.. uno di quei nomi immediati e facili da ricordare. Anzi, ti dirò, non è neanche frutto della nostra fantasia: una sera eravamo a Le Bobar, un locale in Francia, stavamo bevendo un bel po’ e insomma, alla fine tra un bicchiere e l’altro abbiamo deciso di copiarlo di sana pianta“. Le parole sono quelle di Tom Belford, giovane e vulcanico vignaiolo che, insieme alla moglie Sally, in pochissimi anni si è affermato come uno dei più validi non solo della Yarra Valley, Victoria, Australia.

Meno di tremila bottiglie, solo due vini – uno Chardonnay ed un Syrah – che spiccano per personalità, lontanissimi da qualunque idea ci si possa fare da qui, dall’Europa, sulle produzioni del “Down Under”. Il primo è davvero un piccolo gioiellino, fresco e maledettamente minerale, solare ed appagante senza mai eccedere in peso. Anzi, la sue chiavi di lettura sono proprio la sottrazione e l’equilibrio. Il 2014 assaggiato dalla botte e che adesso mentre scrivo dovrebbe essere in bottiglia si è immediatamente imposto tra le cose più entusiasmanti assaggiate nelle ultime settimane. Il secondo poi è un vero e proprio parco giochi, un vino che ogni anno racconta se non un approccio diverso al varietale quantomeno un cambiamento più o meno rilevante durante la sua vinificazione. Variazioni che vanno viste nell’ottica di un percorso la cui fine non è certo vicina, nel 2014 per dire si è addirittura arrivati ad una completa macerazione carbonica; un Syrah (più rosato che rosso) che è un mostro di bevibilità, divertente e luminoso, tratteggiato da una bella acidità e caratterizzato da una succosità forse irresistibile anche per Luca Maroni. Una macedonia di frutti rossi ed esotici impreziosita da un leggero richiamo floreale prima, piccante poi. “It’s a picnic wine, a wine you can drink all the day, you know what I mean..“, dice Sally mentre Tom apre le altre annate tra cui spicca un 2012 particolarmente dinamico, lungo e definito.

Una realtà, quella di Bobar, che brilla nel movimento dei vini naturali australiani; una nouvelle vague che ha investito un po’ tutta la nazione e che di anno in anno raccoglie intorno a sé sempre più appassionati. Ma di questo, e di molti altri vini, scriverò tra qualche giorno di là, su Intra.

Intanto, felice di essere a casa.

Scritto da Jacopo Cossater Pubblicato in Australia | 2 Commenti


  • La gestione della pubblicità su questo blog è affidata al network Vinoclic.

  • Enoiche Illusioni?

  • Contatto

    jacopo(punto)cossater, la chiocciola, e poi gmail.com

  • Twitter



  • Archivio


  • Tag Cloud

  • Creative Commons

    Creative Commons License